Bonus bollette, nessuno è escluso: il ricco regalo del Governo

Bonus Bollette, arriva l’aiuto del Governo per combattere i rincari. Il Decreto energia spinge per l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabili. Vediamo in che modo.

In arrivo un nuovo bonus per contrastare gli aumenti stellari di luce e gas. L’obiettivo è lo sfruttamento di energie rinnovabili.

bonus bollette
Adobe Stock

I cittadini chiedono a gran voce interventi del Governo per contrastare efficacemente i rincari di luce e gas che gravano sulle famiglie e sulle imprese. La pandemia e la guerra in Ucraina hanno destabilizzato gravemente la situazione in Europa e nel mondo. Il Covid 19 ha influito in ogni aspetto della vita infliggendo a tutti noi ferite profonde e lente da risanare. Proprio nel momento in cui si è iniziato ad intravedere uno spiraglio di luce un’evento ancora più devastante ci ha preso a schiaffi e riportato nello stato di emergenza. La guerra tra Russia e Ucraina non è solamente una sconfitta per l’uomo e la sua umanità ma è un’arma che sta avendo ripercussioni economiche inaccettabili. Da qui la decisione del Governo di accelerare la lotta ai rincari intervenendo sul Decreto Energia.

Bonus bollette, una misura da conoscere

Il 1° marzo 2022 è uscito il Decreto Legge che stabilisce la possibilità per i cittadini di procedere con l’installazione dei pannelli solari senza richiedere alcuna autorizzazione. Una semplificazione della procedura che serve per accelerare l’installazione del sistema di energia rinnovabile sui tetti delle case e dei condomini e sui tetti di aziende agricole, sui campi e sulle strutture fuori terra. Il fine ultimo, come è comprensibile, è contenere i costi dell’energia elettrica e del gas naturale.

Lo snellimento burocratico riguarderà l’installazione di impianti per le fonti rinnovabili, la definizione di un modello unico per impianti con potenza compresa tra 50 e 200 kW, la regolamentazione dello sviluppo fotovoltaico in campo agricolo e la razionalizzazione delle procedure di autorizzazione per gli impianti offshore. Inoltre, la semplificazione tocca gli impianti rinnovabili in aree idonee e gli impianti a sonde geotermiche a circuito chiuso. Stop alle autorizzazioni, ai permessi, ad atti amministrativi che allungano i tempi di realizzazione dell’intervento. Chiunque può installare i pannelli solari e con qualsiasi modalità.

Nuove misure in arrivo

Oltre al Bonus bollette che consente l’installazione di pannelli solari senza richiedere autorizzazioni, è previsto entro 60 giorni l’arrivo di diposizioni da parte del Ministero della Transizione Ecologica sull’installazione nel terreno di impianti di produzione geotermica e di onde sonore capaci di riscaldare interi edifici, di produrre energia elettrica e di climatizzare gli ambienti.

Si è in attesa anche di una proroga in relazione al fotovoltaico la cui domanda di mercato sta crescendo a dismisura che si andrà ad affiancare al Superbonus 110% e alla proroga concessa sulla tempistica di fine dei lavori spostata al 31 dicembre 2022 solo a condizione che entro il 30% siano stati realizzati il 30% degli interventi ammissibili.