Lavoro, occhio ai vantaggi per questa categoria: cosa c’è da sapere

Occhio ai vantaggi per questa categoria di lavoratori. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Il lavoro riveste un ruolo importante nella nostra esistenza, in quanto di permette di attingere a quella fonte di reddito necessaria per riuscire a far fronte alle varie spese.

lavoro agevolazioni categoria
Foto © AdobeStock

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione“. Sono queste le parole dell’articolo 1 della Costituzione del nostro Paese. Proprio soffermandosi sul lavoro è noto come purtroppo le cose non vanno sempre come sperato.

Non sempre, infatti, si riesce a trovare in tempi brevi un impiego. In tale ambito, pertanto, interesserà sapere che sono previste dei vantaggi lavorativi per le categorie protette. Ma chi ne ha diritto e di quali vantaggi si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Isee 2022, il valore fondamentale: a cosa stare attenti per non perdere bonus e agevolazioni

Lavoro, occhio ai vantaggi per le categorie protette: chi ne ha diritto

In attesa di vedere come evolverà il mondo del lavoro, con molte professioni e mestieri destinati a scomparire nell’arco di soli dieci anni, interesserà sapere che sono previsti dei vantaggi lavorativi per le categorie protette. A tal proposito ricordiamo che rientrano nelle categorie protette soggetti con invalidità superiore al 45% e ciechi assoluti o con bassissimo residuo visivo.

Ma non solo, anche invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33%; invalidi di guerra o per servizio con minorazioni tra la prima e l’ottava categoria; i sordomuti e coloro che hanno diritto all’invalidità civile con invalidità permanente. Entrando nei dettagli è bene sapere che la Legge 68/1999 è volta a tutelare i lavoratori svantaggiati, aiutandoli nel processo di inserimento nel mondo del lavoro.

Green Pass obbligatorio, nuova stretta: quanto costa fare i tamponi per andare a lavoro

In tale ambito si annovera il collocamento mirato. In pratica in presenza di aziende con più di 15 dipendenti vi è una quota di riserva destinata proprio ai soggetti che rientrano nella categoria protetta. Al fine di poter beneficiare di tale agevolazione il soggetto interessato deve risultare iscritto alle liste di collocamento e risultare disoccupato. Proprio iscrivendosi alle liste di collocamento mirato, quindi, i soggetti interessati possono beneficiare delle varie agevolazioni previste dalla Legge 68/1999.