Rincari luce e gas, nessuna tregua per gli italiani: ecco l’unica soluzione possibile

I rincari di luce e gas continuano a incidere notevolmente in bolletta. Gli aiuti del Governo risultano insufficienti per frenare gli aumenti; quale soluzione rimane?

Il caro bollette avanza impetuoso e le famiglie italiane faticano a pagare le bollette. L’ultima spiaggia rimane il Bonus luce e gas. Vediamo chi sono i destinatari e come funziona.

rincari luce e gas
Adobe Stock

Il presidente dell’AREA Besseghini lancia l’allarme. Occorre tutelare i consumatori dal rincaro dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua. Gli interventi straordinari del Governo – citiamo il taglio agli oneri generali di sistema in relazione alle utenze elettriche – non funzionano e ogni famiglia sta affrontando un rincaro del 55% per la luce e del 41,8% per il gas. Percentuali inaccettabili perché non tutelano i cittadini e li gravano di un’onere troppo pesante. Un ulteriore aiuto volto a contrastare gli aumenti è il Bonus luce e gas ma tale misura riesce concretamente a favorire un risparmio?

Luce e gas, cambiare fornitore senza avere brutte sorprese: le regole del risparmio

Rincari luce e gas, un bonus per fermarli

Il Bonus luce e gas consente di ridurre i costi in bolletta. Parliamo di una misura che si rivolge ai nuclei familiari con ISEE inferiore a 8.265 euro, alle famiglie numerose con almeno quattro figli a carico e ISEE inferiore a 20 mila euro e ai percettori di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza. Ultimi beneficiari sono i soggetti affetti da una grave malattia che richiedere l’uso costante di apparecchi salvavita.

I passaggi da seguire per contestare un conguaglio bolletta luce e gas

Per poter inoltrare domanda di accesso al bonus per la prima volta è necessario avere l’ISEE aggiornato e la Dichiarazione Sostitutiva Unica. In questo modo si potrà richiedere il riconoscimento automatico alla misura. In caso di rinnovo della richiesta sarà sufficiente inviare il nuovo ISEE. Lo sconto in bolletta per il primo trimestre 2022 corrisponderà a 200 euro per l’elettricità (nuclei con tre o quattro componenti) e di 400 euro per il gas (nuclei con 4 componenti massimo). La richiesta dovrà essere inviata al Comune di residenza utilizzando i moduli dedicati.

Un riassunto degli aiuti del Governo, facciamo il punto

La Legge di Bilancio 2022 ha stabilito l’erogazione di specifici aiuti per frenare il caro bolletta. Le misure che verranno messe in atto nel primo trimestre 2022 riguardano l’annullamento transitorio degli oneri di sistema, la riduzione dell’Aliquota IVA al 5% per le bollette del gas, la possibilità di rateizzare il pagamento delle bollette per gli inadempienti e il potenziamento del già citato Bonus sociale Luce e Gas.