Smishing, attenzione al messaggio deleterio: quanto vi sottrae a settimana

Scoperto di recente un sms pericoloso riconducibile ad una campagna di smishing. Cosa comporta per gli utenti che cadono nella trappola

Le truffe tramite messaggio vengono spesso snobbate, ma in realtà possono recare dei danni piuttosto seri nel lungo periodo.

Smishing
Fonte Web

Le minacce sono sempre dietro l’angolo quando si parla di truffe. I modi attraverso cui i cybercriminali si prendono gioco delle persone oneste sono innumerevoli e tra questi va assolutamente menzionato lo smishing.

Uno degli ultimi scoperti di recente può addirittura svuotare un po’ alla volta il conto del malcapitato di turno. Vediamo di cosa si tratta, cercando di capire come agiscono i malviventi e cosa devono fare gli utenti per evitare la subdola trappola.

Allerta della Polizia di Stato, attacco smishing in atto: ogni utente è in pericolo

Smishing: in cosa consiste il nuovo sms truffa

In pratica il “trucco” consiste nell’inviare un sms fingendosi un corriere impegnato nella consegna di un pacco. All’interno ci sono le indicazioni su come sbloccare la spedizione attraverso l’inserimento dei suoi dati personali su una pagina fake, che però di primo impatto sembra identica a quella ufficiale.

In realtà però cliccando sul messaggio ci si abbona ad un servizio a pagamento dal costo di 36 euro a settimana. Davvero terribile, considerando che il pretesto del pacco potrebbe far presa visto che l’e-commerce va ormai per la maggiore.

In generale il duplice obiettivo dello smishing è quello di rubare i dati personali della vittima, ma anche quelli della carta di credito. I primi vengono riutilizzati per la vendita sul Dark Web, mentre i secondi per addebitare costi importanti generati dalla “sottoscrizione” di abbonamenti (vedi il caso di cui sopra).

Attacco mai visto, tremano i clienti di Intesa Sanpaolo: lo smishing risucchia i soldi

In virtù di ciò l’indicazione da seguire è la medesima di tanti altri casi, ovvero non cliccare sul link che vi viene inviato tramite sms e non inserire i propri dati personali nel format successivo.

Una volta maturato il sospetto che dietro la comunicazione ricevuta possa nascondersi un inganno, è bene avvertire prontamente la Polizia Postale, che ha il compito di indagare sulla questione.