Anemia, si ha diritto all’invalidità civile e Legge 104? La risposta non è scontata

In caso di anemia si ha diritto all’invalidità civile e alla Legge 104? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

anemia assegno
Foto © AdobeStock

Lavoro, famiglia, tempo libero e molto altro ancora. Sono davvero tante le cose con cui dover fare puntualmente i conti e che richiedono, nella maggior parte dei casi, il nostro massimo impegno. Non crea stupore, pertanto, il fatto che si possa spesso finire per perdersi nei meandri burocratici, tanto da non sapere di aver diritto a particolari agevolazioni.

Proprio in tale ambito, in effetti, sono in tanti, ad esempio, a chiedersi se in caso di anemia si ha diritto all’invalidità civile e alla Legge 104. L’anemia, ricordiamo, si presenta come una patologia da non sottovalutare, proprio per questo motivo è bene sapere se si ha o meno diritto a delle agevolazioni. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Vaccino anti-Covid, un giro d’affari che vale miliardi: chi guadagna di più

Anemia, si ha diritto all’invalidità civile e Legge 104? Ecco cosa c’è da sapere

L’anemia si presenta come una patologia che non può essere di certo sottovalutata, in  quanto può manifestarmi con delle forme anche molte gravi. In tale ambito, quindi, sono in molti a chiedersi se è possibile richiedere e ottenere l’invalidità civile e la Legge 104, con tanto di agevolazioni annesse. I titolari di Legge 104, ricordiamo, possono usufruire di diverse agevolazioni, come ad esempio l’esenzione dal pagamento dell’imposta di trascrizione al PRA dovuta per il passaggio di proprietà nel caso in cui si acquisti un’auto.

Ebbene, entrando nei dettagli, così come riportato su Trading, è bene sapere che effettivamente si ha diritto, in caso di anemia, all’erogazione dell’assegno mensile per invalidità civile. Ma non solo, è possibile anche beneficiare delle varie agevolazioni con Legge 104. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Anemia, cos’è e differenza dall’ipoglicemia

In base a quanto definito dall’OMS, l’anemia si presenta come una condizione medica che si presenta nel caso in cui si registrino dei livelli particolarmente bassi di globuli rossi o di emoglobina. A proposito di quest’ultimi è bene sapere che risultano differenti tra uomo e donna. In particolare sono pari a 14 g/dl per gli uomini, 12 g/dl per la donna e 11 g/dl nel caso in cui si tratti di una donna in dolce attesa.

Entrando nei dettagli, tra le cause più frequente di anemia si annovera la carenza di ferro. Nei casi più gravi si parla di anemia emorragica. Ricordiamo, inoltre, che non bisogna confondere l’anemia con l’ipoglicemia. Quest’ultima, infatti, indica un basso livello di zucchero nel sangue. L’anemia, dal suo canto, rileva, come già detto, che non ci sono abbastanza globuli rossi in grado di trasportare l’ossigeno nel nostro corpo.

Come già detto, la causa più frequente di anemia è da riscontrare nella carenza di ferro. Non bisogna però escludere anche altri motivi. Allo stesso tempo è bene sottolineare che non vi sono legami tra ipoglicemia e anemia, con una stessa persona che può comunque presentare entrambe queste patologie.

Anemia, si ha diritto all’invalidità civile e Legge 104, ma non solo

Ebbene sì, come già detto, in caso di anemia si ha diritto, in determinati casi, sia al riconoscimento dell‘invalidità civile che alla Legge 104. A tal fine, però, è necessario che la situazione di invalidità venga attestata dalla commissione medica. Quest’ultima, infatti, deve valutare la riduzione della capacità lavorativa e la condizione di svantaggio del soggetto richiedente.

In seguito stabilisce una percentuale in base alla quale viene stabilito se una persona abbia o meno diritto, appunto, all’assegno di invalidità e alla Legge 104. Ma non solo, se la persona richiedente riscontra anche delle difficoltà deambulatorie e una percentuale invalidante totale, ha diritto anche al riconoscimento dell‘indennità di accompagnamento.

Anemia, si ha diritto all’invalidità civile e Legge 104: occhio alle tabelle ministeriali

A tal fine si fa riferimento alle tabelle ministeriali. In particolare, sempre come riportato su Trading, è bene sapere che nel caso dell’anemia, si fa riferimento alle seguenti patologie, ovvero:

  • sindrome di malassorbimento enterogeno che causa l’anemia, con percentuale di invalidità che va dal 61 all’80%;
  • malattie infiammatorie croniche intestinali che provocano anemia, con percentuale di invalidità che, in questo caso, va dal 61 al 100%;
  • anemia grave con insufficienza renale terminale con soggetto in cura in emodialisi trisettimanale. In questo caso è prevista una percentuale invalidante al 100%.

Legge 104, brutte notizie in arrivo: l’Inps non effettuerà più questi pagamenti

Ovviamente, come già detto, l’anemia può essere collegata anche ad altre patologie. Nel caso in cui ci si ritrovi a dover fare i conti con una situazione invalidante, quindi, è possibile presentare apposita richiedere e ottenere l’assegno di invalidità, così come beneficiare delle varie agevolazioni previste dalla Legge 104.