I titolari di Legge 104 possono beneficiare di particolari agevolazioni in caso di acquisto di un’auto usata? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

auto usata legge 104
Foto © AdobeStock

A partire dall’alimentazione, passando per le bollette di luce e gas, fino ad arrivare alle varie spese quotidiane, sono davvero tante le volte in cui ci ritroviamo a dover mettere mano al portafoglio. Diverse, d’altronde, sono le spese che vanno ad incidere sul bilancio di ogni nucleo famigliare, come ad esempio quelle inerenti l’auto. Tra questi, infatti, è possibile annoverare i costi per il carburante, l’assicurazione e il bollo auto.

Ma non solo, ad avere un costo non indifferente si annovera proprio quello che bisogna sostenere per l’acquisto stesso del veicolo. Proprio in tale ambito, pertanto, ci si chiede se oltre all’acquisto di un’auto nuova, i titolari di Legge 104 possano o meno beneficiare di particolari agevolazioni per l’acquisto di un’auto usata munita degli adattamenti necessari per il trasporto di persone con disabilità. Entriamo pertanto nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Legge 104, occhio alla revisione obbligatoria: la verità che non ti aspetti

Legge 104, è possibile acquistare un’auto usata, ma occhio alle agevolazioni: cosa c’è da sapere

Sono tante, purtroppo, le persone che, complice la crisi causata dal Covid, riscontrano delle serie difficoltà nel riuscire a far fronte alle varie spese quotidiane. Da qui la decisione di molti di volgere un occhio di riguarda al mondo del risparmio in modo tale da avere qualche euro in più a disposizione a cui attingere in caso di bisogno.

Allo stesso tempo non si può negare come vi siano delle spese che non è possibile rimandare. Proprio in tale ambito, pertanto, è bene ricordare che i titolari di Legge 104 possono beneficiare di particolari agevolazioni in caso di acquisto di un’auto dotata degli adattamenti necessari per il trasporto di persone con disabilità.

Tra questi si annoverano il diritto all’esenzione del bollo auto, così come dal pagamento dell’imposta di trascrizione al PRA dovuta per il passaggio di proprietà. Delle misure particolarmente importanti di cui è possibile usufruire, è bene sottolineare, sia nel caso in cui si acquisti un mezzo nuovo che usato.

Legge 104, è possibile acquistare un’auto usata, ma occhio alle agevolazioni: chi ne ha diritto

Dopo aver visto che i titolari di Legge 104 possono usufruire di importanti agevolazioni fiscali per l’acquisto di vetture, sia nuove che usate, è bene sapere che questo è possibile solo per determinate categorie di disabili gravi. In particolare, stando a quanto è possibile evince dall’apposita guida dell’Agenzia delle Entrate, ne hanno diritto:

  • non vedenti e sordi;
  • disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

Legge 104, agevolazioni acquisto auto usata: limiti reddituali e cilindrata

Si ricorda, inoltre, che bisogna rispettare anche dei limiti reddituali. Nel caso in cui il disabile sia fiscalmente a carico di un suo familiare, quest’ultimo può, a sua volta, beneficiare delle relative agevolazioni. Ma non solo, se il veicolo, sia esso nuovo oppure usato, viene acquistato presso un concessionario viene applicata l’Iva agevolata al 4%. Questo, ovviamente, non avviene nel caso in cui il mezzo venga acquistato da un privato.

Per quanto riguarda le caratteristiche del mezzo, inoltre, i titolari di Legge 104 possono beneficiare delle agevolazioni fino ad ora citate nel caso in cui si tratti di un veicolo con cilindrata massima pari 2.000 centimetri cubici se a benzina. Se si tratta di un’auto a diesel, invece, fino a 2.800 centimetri cubici.

Legge 104, brutte notizie in arrivo: l’Inps non effettuerà più questi pagamenti

L’auto in questione, inoltre, non può avere più di nove posti e non può essere venduta prima dei due anni dall’acquisto. In quest’ultimo caso, infatti, si deve provvedere a restituire tutti gli sconti e agevolazioni di cui si è beneficiato. Vi è però un’eccezione, ovvero nel caso in cui la vendita si riveli essere necessaria per via di variazioni dovute allo stato di disabilità.