L’Agenzia delle Entrate comunica la presenza di un pericoloso phishing, veicolato tramite una mail fittizia. Si tratterebbe di un potente malware.

Phishing Agenzia delle Entrate
Foto © AdobeStock

Implementazione tecnologica non significa sempre welfare migliore. Anzi, spesso le funzioni digitali, per quanto utili, possono essere più complicate di quello che sembrano. Eppure la scelta è stata chiara, sia nel privato che nella Pubblica amministrazione: incentivare il ricorso alle operazioni online, sia nel pagamento che nel disbrigo delle varie pratiche amministrative. Un sistema che ha indubbiamente dei vantaggi, primo fra tutti quello di evitare le varie code. Certo è che, più i soldi viaggiano sulla rete, più c’è il rischio di incappare in qualche spiacevole incidente. E questo vale per tutti: negozi online e persino enti che regolano il quadro fiscale e contributivo del Paese.

Il comparto tecnologico si è dotato dei migliori sistemi di sicurezza. Anche perché, come abbiamo visto, sul web non circola solo il diletto ma anche una grossa fetta dell’utile. Ecco perché bisogna sempre tenere alta la guardia e imparare a conoscere i punti in chiaroscuro dove potrebbero essere piazzate le trappole dei cybercriminali. Tecniche di truffa come il phishing, infatti, sono tutt’altro che infrequenti. E ricevere una notifica da parte dell’Agenzia delle Entrate, per quanto possa portarci a destare al massimo il livello di attenzione sulla nostra situazione col Fisco, deve indurci anche ad attivare il nostro sesto senso. Potenzialmente, nulla di quello che ci arriva potrebbe effettivamente essere quello che sembra.

Unicredit, nuovo allarme phishing: ecco come evitare la truffa svuota-conto

Phishing, allarme dell’Agenzia delle Entrate: attenzione a questo messaggio

Già di per sé, ricevere una comunicazione da un ente come l’Agenzia delle Entrate non è per nulla piacevole. Solo a leggere il nome, infatti, ci si inizia a chiedere quale possa essere la ragione della missiva o della mail, cercando di passare velocemente in rassegna le varie pratiche sbrigate nel corso dell’anno. Tuttavia, non sempre le comunicazioni corrispondono a un’effettiva volontà dell’ente di mettersi in contatto con noi. I criminali informatici, infatti, sanno bene che un contatto simile andrebbe a stimolare al massimo tutti quei sentimenti di paura e insicurezza che permettono a truffe come il phishing di fare abboccare all’amo un grosso numero di utenti. Per questo l’AdE ha invitato i contribuenti a fare massima attenzione, dal momento che una mail fittizia è stata recentemente messa in circolazione, sfruttando proprio il nome dell’ente.

Phishing velenoso, una banca lancia l’allarme: conti svuotati in un click

Niente di nuovo purtroppo. La nuova mail in giro per il web corrisponde a tante altre che, negli ultimi tempi, hanno abusato del nome di enti importanti per tentare di adescare le proprie vittime. Il phishing, in questo caso, si tradurrebbe in una comunicazione fittizia da parte dell’Agenzia delle Entrate, nella quale si paventerebbero delle incongruenze sull’eliminazione periodica dell’IVA. Come in tutte le altre circostanze, i criminali propongono un link sul quale cliccare per risolvere la situazione. Il quale, naturalmente, provocherebbe conseguenze importanti e decisamente negative. Corrisponderebbe infatti a un malware che infetterebbe pericolosamente il nostro computer, mettendo in pericolo tutti i dati sensibili. Non aprire l’allegato e non rispondere alla mail è fondamentale. La stessa Agenzia delle Entrate ha comunicato i dettagli della truffa, fornendo gli strumenti per disinnescarla.