L’Inps comunica tempi e modalità di presentazione della domanda per la pensione con Quota 102. Ecco come si procederà.

Pensione Quota 102
Foto © AdobeStock

Tutto pronto per Quota 102, la strategia di pensione che verrà adottata come accompagnamento (lungo il 2022) per la vera e propria riforma del prossimo anno. Il vero convitato di pietra in tutte le discussioni sul futuro delle pensioni in Italia, presente anche se quasi tirata in ballo. Il che non è nemmeno strano se si pensa che il meccanismo per sostituire Quota 100 è in realtà una combinazione di fattori. Il Governo ha infatti puntato molto anche sul rinnovo degli strumenti utili alla pensione anticipata, come Ape Sociale e Opzione Donna, cercando in tal modo di arrivare al 2023 con un pacchetto di riforme adeguato ai lavoratori che cesseranno l’attività lavorativa nei prossimi anni.

Quota 102 viene chiarita dall’Inps che, sul proprio sito istituzionale, comunica i dettagli soprattutto in merito alle tempistiche della domanda. Oltre che, chiaramente, sui requisiti necessari per accedere al meccanismo. La Legge di Bilancio è intervenuta modificando l’articolo 14 del Dl 4/2019, sostituendo di fatto la vecchia Quota 100 con un nuovo sistema di pensione. Semplicemente, l’età pensionabile passa a 64 anni, con un minimo di 38 di contribuzione. A questi parametri, chiaramente, potranno esserne adeguati altri relativi all’eventuale uscita anticipata dal lavoro.

Pensioni, sforbiciata in arrivo: per alcuni titolari gli assegni si dimezzano

Quota 102: requisiti e tempistiche per la domanda

Sciolte le riserve, si passa a esaminare i contenuti. L’Inps comunica le modalità per il riconoscimento della pensione anticipata fino al 31 dicembre 2022, ricordando i requisiti minimi e segnalando la data di partenza per la presentazione delle domande. Il messaggio, per la verità (il numero 97 dell’Inps), è del 10 gennaio 2022 e si dovrà attendere la pubblicazione della circolare illustrativa per conoscere le nuove disposizioni in materia. Le modalità di presentazione della domanda, tuttavia, non dovrebbero modificarsi ulteriormente. Tutto procederà online, per i lavoratori iscritti alle Gestioni private, pubblica e anche alla Gestione spettacolo e sport. Peraltro, l’Inps mette a disposizione la possibilità di richiedere il cumulo dei periodi assicurativi, così da maturare il diritto all’uscita anticipata dall’attività lavorativa.

Per il resto non cambierà molto. Quota 102 sarà speculare a Quota 100 nella sua impostazione base, se non per l’innalzamento della soglia anagrafica a 64 anni (dai precedenti 62). Resta anche la finestra mobile dei tre mesi al fine di perfezionare i requisiti dei lavoratori del settore privato, mentre quelli del pubblico avranno a disposizione sei mesi. Questa misura sarà calcolata come pensione di vecchiaia ordinaria. Come avveniva per Quota 100, sarà possibile usufruire della cosiddetta cristallizzazione: ovvero, chi maturerà il diritto alla pensione nell’anno, potrà fare domanda anche in un periodo successivo.

Pensione, quanto percepirò con uno stipendio attuale di 1300-1400 euro al mese?

Per presentare la domanda si è già in tempo: il via è arrivato il 7 gennaio scorso, tramite il servizio Inps dedicato. Necessario il possesso delle credenziali Spid, Cie o Cns. La domanda potrà essere compilata e inviata direttamente online, accedendo sul portale “Domanda pensione” e, successivamente, cliccando su “Nuova prestazione pensionistica“. Dopodiché, andranno seguiti i vari passaggi fino ad accedere a “Requisito Quota 102”. Tutta l’operazione potrà essere portata a termine tramite Patronato.