Cashback, addio a gennaio ma i clienti PostePay esultano: ecco perché

I possessori di PostePay standard ed Evolution saranno gli unici a percepire ancora i rimborsi fino al 31 dicembre. Merito del programma di Poste.

PostePay cashback
Foto: Web

Tutto confermato in Legge di Bilancio: a partire dal 2022 sparirà il programma Cashback, almeno nella concezione fin qui attribuita alla misura del Governo Conte. I rimborsi non proseguiranno nemmeno fino all’ultimo dell’anno, visto che il piano è già stato sospeso da qualche mese. Scavallato il 2022, il programma pensato per incentivare i consumi e la tracciabilità in tempi di magra economica cesserà definitivamente. Alcune varianti del Cashback, però, hanno resistito anche durante questo periodo di transizione, anche se non esattamente secondo le regole adottate dal programma originario. Niente più rimborsi sugli acquisti con carte di credito o debito ma con PostePay resterà una possibilità. Almeno fine a fine anno. Specie per quelli che utilizzano la variante Evolution, quella dotata di codice Iban.

I clienti PostePay, con gli acquisti di fine anno, riceveranno rimborsi per ogni transazione effettuata. Secondo quanto previsto dal programma di Poste Italiane, si procederà con un rimborso diretto di 1 euro per ogni acquisto uguale o superiore alla cifra di 10 euro. Inoltre, ogni cliente potrà accumulare un Cashback complessivo giornaliero, in misura non superiore ai 10 euro. Attenzione però, perché l’unica possibilità di partecipazione è vincolata all’app di PostePay, scaricabile su tutti i dispositivi sia Apple che Android.

PostePay e rimborsi Cashback: la procedura

Una volta scaricata l’applicazione, il sistema di rimborsi funzionerà in modo abbastanza simile al programma Cashback originario, regolato dall’app IO. Nel caso del rimborso per PostePay, una volta dotato il proprio smartphone dell’app specifica, per formalizzare la transazione (e quindi l’acquisto) i clienti dovranno utilizzare il codice QR presente all’interno. Il Cashback sarà cumulativo con eventuali acquisti presso negozi di Poste Italiane partner dell’iniziativa, su tutto il territorio nazionale. Di fatto, la proposta di Poste resta l’unica in grado di ottimizzare gli acquisti con un parziale rimborso. Anche se la durata del programma è anch’essa agli sgoccioli.

LEGGI ANCHE >>> PostePay ti paga fino al 31 dicembre: come ottenere i rimborsi

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La deadline sarà il 31 dicembre, giorno in cui cesseranno anche i rimborsi per i possessori di PostePay. A meno che Poste non decida di implementare il programma ulteriormente, allungandone gli effetti ancora di qualche mese. Alla promo prendono parte sia i possessori della carta standard che i clienti di PostePay Evolution, dotata di codice iban. La politica dei rimborsi, tuttavia, resta valida solo per gli acquisti e non per altri tipi di pagamenti. Per chi non lo avesse ancora fatto, per attivare il programma occorrerà andare nella sezione “Piano Italia Cashless-Cashback”, presente nell’app di PostePay. Una volta inserito l’Iban del conto BancoPosta o quello della Evolution, si sceglierà su quale carta abilitare il rimborso.