Un massaggio total body costa molto? Quante tipologie di massaggi esistono? L’offerta nel mondo del benessere è molto ampia, così come le differenze di prezzi

Massaggio

Quante volte, tornati stanchi dal lavoro, sogniamo le mani esperte di un massaggiatore che lenisca contratture e tensione? Siamo sempre di corsa e purtroppo ci concediamo sempre meno trattamenti benessere. Forse perché riteniamo di spendere troppo? O che alla fine non serva a niente? In realtà l’incertezza è più che giustificata. Basta fare una semplice ricerca e ci si ritrova in un mare di offerte, di prezzi e di massaggi anche dai nomi più strani, o che si rifanno a discipline completamente lontane dalla nostra portata. E allora che fare? Vediamo come riuscire a distinguere i diversi tipi di trattamento e come fare a trovare la struttura più adatta alle nostre esigenze.

I prezzi di un massaggio base antistress

Se la volontà è quella di prendersi una coccola, di provare un’esperienza rilassante e un attimo di pausa dallo stress quotidiano, un massaggio del corpo di livello base può essere adatto. Prima di andare a cercare la struttura dove eseguirlo, però, è bene porsi un paio di domande. Innanzitutto se il fisico è solamente stanco o se ci sono dei problemi a livello muscolo-scheletrico. Questo perché il massaggio base, intervenendo a livello muscolare, rischia di apportare danni in caso di situazioni già compromesse. Inoltre è necessario chiedersi se si desidera un massaggio semplice, effettuato magari da un privato professionista, oppure se si desidera approfittare del momento per sperimentare atmosfere esotiche, candele profumate, musica in sottofondo, cromoterapia e quant’altro.

Perché in questo caso il prezzo, a parità di trattamento di per sé, avrà sicuramente un costo maggiore. Se per un massaggio semplice, infatti, possono bastare circa 30-40€, la struttura che offre più “optional” richiede certamente cifre dai 60€ in su. Il prezzo varia anche non solo in base alla città o Regione in cui ci si trova (i prezzi di Milano, per intendersi, saranno sempre più alti di quelli di Napoli), ma anche dalla “carriera” dell’operatore stesso. Chi desidera risparmiare, può rivolgersi a centri “giovani”, che non hanno ancora maturato decenni di esperienza. Si otterrà ugualmente un servizio di qualità, ma senza sacrificare troppo il portafogli.

Il massaggio dal fisioterapista: si passa all’ambito medico

Un discorso a parte nel variegato mondo dei massaggi è il trattamento da effettuarsi dal fisioterapista o dall’osteopata. In genere si arriva da questo tipo di professionisti dopo una visita medica, dopo aver subito un trauma, un incidente o un danno di qualche tipo. Il tariffario varia moltissimo a seconda del problema da risolvere, e ci possono volere 50 così come 200€, oppure un piano di cura che preveda più sedute e di conseguenza costi ancora più alti. In questo caso c’è poco da fare, oltre a scegliere uno studio nella propria zona che non dissangui il conto in banca.

Massaggi estetici: tutto cambia

Il listino prezzi lievita (e spesso anche di molto) quando invece si parla di massaggi estetici, ovvero drenanti, anticellulite, rassodanti eccetera. Questo tipo di trattamento è già più specifico e chi lo effettua deve aver maturato ampie competenze. Molto spesso, inoltre, l’inestetismo non viene risolto con una sola seduta e quindi vanno messi in conto i soldi per un ciclo completo, che può essere di 3-4 o più sessioni. Voler sconfiggere la cellulite, tanto per fare un esempio, significa anche far utilizzare al professionista creme e attrezzature ad hoc, che hanno un costo molto più alto rispetto al “semplice” olio per massaggi. Se per un massaggio manuale con creme e “fanghi” possono volerci dai 60€ in su, quando si passa all’utilizzo di dispositivi il prezzo lievita anche fino a 150€ e anche di più.

Massaggi orientali: il prezzo sale

Il fascino di un massaggio Thai, Shiatsu o Tibetano attrae un po’ tutti, ma bisogna stare attenti al portafogli. Se la volontà è quella di provare un’esperienza particolare e/o diversa dal solito, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Chi effettua i massaggi Shiatsu deve essere prima di tutto in possesso di regolare certificazione e iscrizione al RIOS (registro italiano operatori Shiatsu) e offre un trattamento molto più complesso di un semplice massaggio-relax. La tecnica utilizzata va a premere su determinati punti per apportare beneficio a tutto il corpo, ma anche per risolvere alcune problematiche. Va da sé che per accedere ad una esperienza di questo tipo si debba spendere dagli 80€ in su, a seconda del grado di professionalità dell’operatore nonché della struttura (ad esempio la SPA di un hotel dove si paga molto di più) dove viene offerto il servizio.

Molto simili le dinamiche per chi desidera effettuare un massaggio Thai, che apporta “cura” e beneficio al corpo tramite particolari tecniche di manipolazione. Anche in questo caso i prezzi partono da un minimo di 50-60€ e possono arrivare anche sopra i 100€.

Passando poi a massaggi particolari come quello Tibetano, si va ben oltre il trattamento rilassante. Si tratta di un’esperienza molto coinvolgente, che estende a tutti i sensi la sensazione di benessere; questo avviene grazie ad un insieme di veri e propri “rituali” che accompagnano la manipolazione in sé. Di conseguenza, accedere a questo tipo di trattamento costa molto di più: parliamo di cifre che partono tranquillamente dai 100€ e vanno a salire altrettanto tranquillamente, a seconda della “location” e della “fama” dell’operatore.

LEGGI ANCHE >>> Quanto costa rifarsi i denti per avere un sorriso ammaliante? La dura realtà

Come scegliere il professionista o la struttura più adatta

Indipendentemente dal budget a propria disposizione, e dal tipo di esperienza che si vuole provare, rimane da capire quale struttura, studio professionale o esperto sia meglio contattare. Per prima cosa si può chiedere ad amici e conoscenti se hanno qualche suggerimento, se sono rimasti soddisfatti dell’esperienza, e (se c’è abbastanza confidenza) anche quanto hanno speso. Con qualche indirizzo alla mano si può andare a fare un giro e valutare coi propri occhi la qualità e l’affidabilità di studi privati, centri estetici e “templi” vari. Sicuramente è meglio fuggire da luoghi che paiono angusti, senza adeguate insegne che ne specificano la natura, o che non espongono tariffari e diplomi in bella vista. Una volta individuati i centri migliori, i professionisti saranno ben lieti di esporre, suggerire e raccontare i servizi disponibili, e di consigliare l’esperienza più adatta in base alle necessità.