Anche nel 2022 sarà possibile beneficiare dell’esenzione del ticket sanitario, ma bisognerà fare i conti con delle importanti novità. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

esenzione ticket sanitario
Foto © AdobeStock

Il ticket sanitario ha fatto la sua comparsa nel sistema sanitario nazionale nel 1989. Come facilmente intuibile, è stato introdotto al fine di far partecipare i cittadini alle spese necessarie per garantire le prestazioni mediche. Non tutti, però, hanno le disponibilità economiche necessarie per riuscire a fronteggiare tutte le spese. Proprio per questo motivo nel corso degli anni sono stati attuati vari interventi in tale ambito, in modo tale da venire incontro alle esigenze delle categorie maggiormente in difficoltà.

Questo al fine di garantire ad alcuni soggetti l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario, purché in presenza di determinate situazioni di carattere economico oppure psicofisico. Ebbene, anche nel 2022 sarà possibile beneficiare dell’esenzione del ticket sanitario per reddito. A differenza del 2021, però, bisognerà fare i conti con delle importanti novità. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Esenzione ticket sanitario per reddito, cosa cambia dal 2022: tutto quello che c’è da sapere

Come già detto, in presenza di determinate situazioni è possibile beneficiare dell’esenzione del ticket sanitario. Tra queste si annoverano coloro che presentano un reddito particolarmente basso, tale da aver diritto ad ottenere delle riduzioni di pagamento. Tale misura, però, è bene sapere, varia in base alle disposizioni della propria Regione.

Proprio per questo motivo, al fine di poter beneficiare di tale agevolazione bisogna rivolgersi alla Regione o ASL di competenza. In particolare, come riportato dalla Gazzetta di Parma, a partire dal 2022 le persone residenti in Emilia – Romagna potranno fare i conti con delle importanti novità.

Questo in quanto le esenzioni del ticket sanitario per reddito potranno essere richieste, presentando apposita autocertificazione, direttamente dal fascicolo sanitario elettronico. Una procedura che risulterà quindi semplificata, attraverso la quale i cittadini aventi diritto potranno compilare la richiesta comodamente da casa, in modo facile e veloce.

Esenzione ticket sanitario: come presentare l’autocertificazione

Importanti novità in vista con l’arrivo del nuovo anno. Coloro in possesso di un’esenzione dal pagamento del ticket per disoccupazione, E02, o per crisi, E99, la cui richiesta è stata effettuata prima del 2020, ricordiamo, non potranno beneficiare di ulteriori proroghe. Tale esenzione, infatti, risulta valida fino al 31 dicembre 2021 e per questo motivo a gennaio dovranno richiedere, se ancora in possesso dei requisiti, il relativo rinnovo.

A partire da gennaio del 2022, però, dovranno fare i conti con delle importanti novità. I soggetti aventi diritto, infatti, per ottenere il rinnovo non potranno più farlo presentando la documentazione cartacea presso gli sportelli delle Ausl di competenza. Dovranno bensì presentare un’autocertificazione tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico, ovvero Fse.

In questo modo la procedura risulterà ancora più semplificata, in quanto molti dati necessari risultano già compilati in modo automatico. Ma non solo, i tempi di comunicazione risultano anche ridotti. Sarà sufficiente avere lo Spid, carta d’identità digitale, per poter accedere al Fascicolo, in modo tale da poter richiedere in autonomia l’esenzione del ticket sanitario.

Esenzione ticket sanitario per reddito: occhio alle novità

A partire dal 2022, quindi, in Emilia – Romagna la richiesta dell’esenzione del ticket sanitario dovrà essere effettuata solamente presentando l’autocertificazione attraverso il Fascicolo sanitario elettronico. Una procedura attraverso la quale si cercherà di semplificare la via dei cittadini, che spesso si ritrovano a perdersi tra i meandri burocratici.

Entrando nei dettagli ricordiamo che possono richiedere l’esenzione del ticket sanitario per  reddito E01, nel caso in cui il reddito complessivo del nucleo famigliare risulti inferiore a  36.151,98 euro. Gli altri codici di esenzione sono E03, a favore di titolari di assegno sociale e familiari a carico, mentre il codice E04 è destinato ai titolari di pensione con importo minimo e un’età superiore ai 60 anni. Il codice, FA2, invece, fa riferimento alle famiglie numerose. A questi bisogna poi aggiungere coloro che hanno diritto all’esenzione per disoccupazione, con codice E02, o per crisi, in questo caso codice E99.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza e falsi invalidi, occhio ai furbetti: rubati 15 miliardi in due anni

In tutti questi i casi bisognerà presentare l’autocertificazione tramite Fascicolo Sanitario Elettronico, in modo tale da poter beneficiare dell’esenzione del ticket sanitario. Ma non solo, sempre per quanto riguarda le esenzioni ticket per reddito bisogna fare i conti con un’altra importante novità. La loro validità, infatti, non è più illimitata. Bensì decorreranno dal 1° aprile al 31 marzo dell’anno successivo, ovvero un anno.