Digitale terrestre, il Nord cambia frequenze: il calendario dello switch off

Digitale terrestre, la risintonizzazione comincerà dal Settentrione. Le Regioni del Nord seguiranno un calendario preciso.

Digitale terrestre Nord
Foto © AdobeStock

A ottobre abbiamo ricevuto solo un assaggio del tanto atteso (e temuto) switch off. Il passaggio al nuovo Digitale terrestre è pronto a entrare nella fase calda, con il primo refarming atteso già nei prossimi giorni. Si inizierà dal Nord Italia, rispettando alla lettera il calendario previsto già prima del rinvio definitivo al nuovo anno. Questo significherà lo spostamento di alcuni canali su altre frequenze, con possibilità di dover intervenire tramite risintonizzazione. Saranno otto le Regioni pronte a effettuare il passaggio (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia Romagna).

Nello specifico, si tratterà dello spegnimento di tutte le frequenze in 700 MHz e dello spostamento di alcuni canali. Altri ancora verranno rimossi definitivamente ma si tratterà perlopiù di frequenze locali. Va ricordato che le otto Regioni interessate dalle prime novità del nuovo Digitale terrestre non eseguiranno il primo switch off in contemporanea. Le date variano in base alla Regione, in alcuni casi persino alla provincia. Tuttavia, almeno sotto questo punto di vista, è stato fissato un calendario preciso.

Digitale terrestre, le date dello switch off del Nord Italia

Considerando che la maggior parte dei televisori sono in versione smart, è probabile che la stragrande maggioranza degli utenti non dovrà fare alcunché per continuare a fruire dei canali. L’unico inconveniente potrebbe riguardare lo spegnimento di alcuni canali ma, come detto, si tratterà soprattutto di emittenti locali. Anche la risintonizzazione potrebbe non essere necessaria, dal momento che per la maggior parte dei televisori funziona ormai in automatico. In caso contrario, l’operazione non sarà difficile: tutti i telecomandi, infatti, dispongono del menù adibito alla messa a punto dei canali. Una prassi possibile anche in modo ordinario, ancor di più con lo switch off in corso. Tendenzialmente, i televisori consentono la risintonizzazione automatica o quella manuale.

Per quanto riguarda il calendario, dal 3 gennaio al 15 marzo 2022 comincerà il cambio di frequenza in 700 MHz per le Regioni settentrionali. Secondo le date previste dalla calendarizzazione messa a punto. Si comincerà il 3 del prossimo mese appunto, con la Valle d’Aosta che protrarrà il cambiamento fino al 7 gennaio. Toccherà poi al Piemonte secondo il seguente calendario: 10-18 gennaio per le province di Torino, Cuneo e parzialmente Asti, oltre a Langhe e Roero; 19 gennaio, versante appennino-ligure e Val Tidone; 20 gennaio-9 febbraio: Alpi Biellesi, Valsesia, Verbano Cusio Ossola, Vergante (parte delle province di: VB, VC, BI, NO): Sondrio e provincia, Alpi e Prealpi lombarde (Parte delle province di: VA, CO, BG, LC, BS), Sponda veneta Lago di Garda (Parte della provincia di VR).

LEGGI ANCHE >>> Digitale terrestre, come evitare di perdersi nella giungla delle continue risintonizzazioni

Si proseguirà a febbraio con Bolzano e provincia (10-14 febbraio), Trento e provincia (15-23) e la zona veneta della provincia di Belluno e le Prealpi Vicentine (24-28 febbraio). Al resto delle province lombarde (Milano, Varese, Cremona, Monza-Brianza, Como, Bergamo, Lecco, Brescia, Lodi, Mantova, Pavia) toccherà fra il 7 e l’11 marzo. Vale lo stesso per le province dell’Emilia Romagna.