Scopriamo di cosa si tratta il bonus patente, che può portare ad ottenere fino a 1000 euro. Chi può richiederlo e attraverso quali modalità 

Bonus patente
Fonte Adoobe Stock

Tra i tanti bonus elargiti nell’ultimo anno e mezzo, è presente uno piuttosto curioso che può essere un incentivo importante per chi vuole affacciarsi al mondo dei traporti. In pratica è quello che è stato ribattezzato con il nome di bonus patente, così come stabilito dal decreto Infrastrutture.

Per forza di cose è destinato ad una determinata platea di beneficiari, in particolar modo ai giovani di età non superiore ai 35 anni che vogliono prendere la patente e/o l’abilitazione CQC e lavorare come autotrasportatori.

Viene riconosciuto sotto forma di rimborso spese fino ad un massimo di 1000 euro per chi rispetta i requisiti richiesti.

Bonus patente: come funziona

È previsto anche per coloro che percepiscono il Reddito di Cittadinanza o ammortizzatori sociali, come risarcimento di parte delle spese sostenute per conseguire la patente di guida per i veicoli destinati all’autotrasporto delle merci. 

Ad ogni modo l’indennizzo non può essere superiore al 50% delle spese sostenute e documentate. È valido fino al 30  giugno 2022. Ha il chiaro obiettivo di inserire i ragazzi in un settore che ormai soffre sempre di più della carenza di autisti.

Per poterlo ottenere è necessario che i richiedenti dimostrino di aver stipulato entro e non oltre 3 mesi dal conseguimento della patente un contratto di lavoro in qualità di conducente nel settore dell’autotrasporto per un periodo minimo di 6 mesi.

LEGGI ANCHE >>> Bonus patente, rimborso fino a 1.000 euro: chi sono i destinatari della misura

Come effettuare la domanda

Il decreto del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile dovrà stabilire ini termini e le modalità di presentazione delle domande. Dovrà tassativamente essere adottato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto Infrastrutture. Sarà rivolto esclusivamente a coloro che presentano le carte in regola sopracitate.

Il decreto inoltra avrà il compito di definire anche le modalità in cui la misura verrà erogata. Dunque non resta che pazientare per capire l’evoluzione di questo importante sussidio. Potrebbe dare nuova linfa al mondo del lavoro.