Raccomandata non ritirata: le modalità per recuperarla e risolvere il problema

Una raccomandata non ritirata e rispedita al mittente è un problema se non si conoscono i giusti passi da seguire. Vediamo se e come risolverlo per un recupero veloce della missiva.

avviso di giacenza
Web

Trovare nella cassetta delle lettere un avviso di tentata consegna di una raccomandata non è una bella sorpresa. Dietro una missiva del genere possono nascondersi multe, cartelle esattoriali, atti giudiziari. Il dubbio sale così come la necessità di sapere il prima possibile il contenuto del documento in modo tale da ottemperare ai propri doveri. E’ bene, dunque, conoscere le modalità da seguire per procedere con il recupero della lettera che, nel frattempo, rimarrà in giacenza presso un Ufficio Postale in attesa che il destinatario la reclami.

Raccomandata, avviso di consegna e giacenza

La raccomandata viene inviata nel momento in cui il mittente ha la necessità di sapere se la missiva è stata consegnata al destinatario. Di conseguenza il postino non può semplicemente inserire la lettera nella cassetta della posta ma deve procedere con la consegna a mano direttamente all’utente. Nel caso in cui in casa non ci fosse nessuno, il portalettere lascia un avviso di tentata consegna, un tagliando bianco chiamato anche avviso di giacenza. Il destinatario viene così a sapere che la raccomandata è in giacenza presso Poste Italiane e potrà conoscere il codice da utilizzare per recuperare la missiva non ritirata. La giacenza, però, ha una durata di trenta giorni superati i quali la lettera tornerà al mittente. Qui iniziano i problemi

E’ possibile recuperare la raccomandata non ritirata?

Recuperare una raccomandata non ritirata non è possibile. Una volta terminato il periodo di giacenza la lettera viene rispedita al mittente e non potrà essere richiesta indietro per nessun motivo. Infatti non esiste una procedura ufficiale di recupero né è ammessa la possibilità di sporgere un reclamo oppure di richiedere l’accesso agli atti di riferimento. L’Ufficio Postale non ha più la raccomandata, non ha potuto leggerne il contenuto per motivi di privacy e di conseguenza a prima vista sembra impossibile recuperare una raccomandata non ritirata. A prima vista perché un trucco per saperne di più esiste.

Leggi anche >>> Occhio a questi pagamenti, al Fisco non sfuggono: chi rischia multe record

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Come conoscere il contenuto della missiva

La lettera non si potrà recuperare però è possibile risalire al contenuto grazie al codice presente sull’avviso di giacenza. Parliamo del codice raccomandata di 12 cifre posizionato sopra un codice a barre. Leggendo le prime tre cifre del codice in questione si può risalire al motivo della spedizione della raccomandata. Ogni combinazione di numeri corrisponde, infatti, ad uno specifico riferimento. I numeri 787, ad esempio, riguardano gli atti giudiziari; il codice 689 si riferisce ad una cartella esattoriale; i numeri da 75 a 79 alle multe e così via. In questo modo si saprà cosa aspettarsi nel momento in cui il mittente rinvierà una nuova raccomandata.