Inps, dalle pensioni al reddito di cittadinanza, pagamenti anticipati a dicembre: le date da segnare

Dalle pensioni al reddito di cittadinanza, sono tanti i pagamenti effettuati in anticipo dall’Inps con l’arrivo del mese di dicembre. Ecco le date da segnare.

calendario dicembre pagamenti
Foto © AdobeStock

Dicembre è finalmente arrivato, portando con sé dei giorni all’insegna delle festività, che tanto piacciono sia a grandi che piccini. Proprio con l’avvicinarsi del giorno di Natale, infatti, sono tante le persone che sono alle prese con i vari acquisti, in modo tale da fare dei doni alle persone più care. Ovviamente, per poter acquistare i vari beni e servizi, bisogna sborsare del denaro. Una chiara dimostrazione di come i soldi si rivelino utili, oltre che necessari, in diversi ambiti.

In tale contesto, pertanto, non stupisce che siano tanti in attesa dei vari pagamenti che verranno effettuati nel corso del mese di dicembre dall’Inps, alcuni dei quali in anticipo rispetto alle mensilità precedenti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo, a partire dalle pensioni, fino ad arrivare al reddito di cittadinanza e ai vari bonus, quali sono le date da segnare sul calendario.

Inps, pagamenti anticipati a dicembre: tutto quello che c’è da sapere

Gli ultimi due anni sono stati, purtroppo, segnati dall’impatto negativo del Covid che continua, ancora oggi, ad impattare negativamente sulle tasche di molte famiglie italiane. Riuscire ad affrontare le varie spese risulta sempre più difficile e proprio per questo motivo non stupisce che in tanti siano in attesa dei pagamenti che verranno effettuati dall’Inps nel corso del mese di dicembre.

Numerosi, in effetti, saranno i soggetti che potranno beneficiare dei vari accrediti dei pagamenti da parte dell’istituto di previdenza. A tal proposito l’ente, proprio come avvenuto anche negli anni precedenti, al fine di offrire un valido sostegno alle persone economicamente più svantaggiate, apporterà un’importante novità.

In occasione dell’ultimo mese dell’anno, infatti, effettuerà molti pagamenti in anticipo rispetto alle precedenti mensilità. Questo avviene in vista delle festività e delle maggiori spese che quest’ultime comportano. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Dalle pensioni al reddito di cittadinanza, i pagamenti di dicembre: il calendario

Anche a dicembre saranno molti i cittadini che si vedranno accreditare sul conto le indennità spettanti per il mese in corso. A partire dal reddito di cittadinanza, fino ad arrivare alle pensioni, passando per i vari bonus, in effetti, sono davvero tanti i pagamenti in arrivo. Entrando nei dettagli, tra le date da dover segnare sul calendario si annoverano:

  • Pensioni. Coloro che si fanno accreditare il trattamento pensionistico direttamente sul conto corrente hanno ricevuto il relativo pagamento lo scorso 1 dicembre. Diverse, invece, le tempistiche per coloro che riscuotono la pensione in Posta. Come risaputo, infatti, al fine di garantire un corretto afflusso delle persone presso gli uffici postali ed evitare possibili assembramenti, da qualche mese a questa parte i pagamenti delle pensioni vengono effettuati in anticipo. Per questo motivo coloro che riscuotono il proprio trattamento presso le Poste hanno potuto ritirare le pensioni in contanti che corrispondono al mese di dicembre 2021 a partire dal 25 novembre fino al 1° dicembre, seguendo il seguente calendario, scaglionato per ordine alfabetico:
    • A-B, giovedì 25 novembre;
    • C-D, venerdì 26 novembre;
    • E-K, sabato 27 novembre;
    • L-O, lunedì 29 novembre;
    • P-R, martedì 30 novembre;
    • S-Z mercoledì 1° dicembre.
  • Reddito e pensione di cittadinanza. Le ricariche per i nuovi beneficiari partiranno dal 15 dicembre. Per quanto riguarda coloro che già percepivano tale sussidio, invece, i pagamenti dovrebbero essere effettuati in anticipo rispetto al solito. Anziché dover attendere la data del 27 dicembre, infatti, i pagamenti dovrebbero partire il giorno 22 del mese.
  • Assegno temporaneo. Il sussidio erogato a favore delle famiglie con figli a carico, non aventi diritto agli Anf, verrà erogato molto probabilmente tra il 26 e il 27 dicembre. Non si esclude, comunque, la possibilità che l’Inps decida di anticipare i pagamenti di tale misura. Per quanto riguarda i percettori del reddito di cittadinanza, inoltre, ricordiamo che anche in occasione dell’ultimo mese dell’anno si vedranno accreditare questa somma direttamente sulla carta dove viene caricato il sussidio.
  • Indennità di disoccupazione Naspi. Non è possibile stabilire una data a priori, in quanto non tutti i percettori di tale trattamento economico ottengono il pagamento il medesimo giorno, con le operazioni che in genere si concludono entro la metà del mese. Entrando nei dettagli, però, in occasione del mese di dicembre i pagamenti dovrebbero essere effettuati dal 3 al 10 dicembre 2021.
  • Bonus bebè. Anche in questo caso la data di accredito può risultare diversa da un nucleo famigliare all’altro. I pagamenti, comunque, dovrebbero aver luogo nel periodo compreso fra il 10 e il 18 dicembre.
  • Bonus IRPEF di dicembre fino a 100 euro al mese, riconosciuto solo ai soggetti che rispettino determinati requisiti reddituali. Nel caso in cui il soggetto avente diritto riceve una busta paga, si vedrà erogare tale bonus assieme allo stipendio del mese. Nel caso in cui, invece, si tratti di soggetti che percepiscono l’indennità di disoccupazione Naspi, quest’ultimi riceveranno i pagamenti del bonus Irpef di dicembre a partire dalla seconda metà del mese in corso.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza e falsi invalidi, occhio ai furbetti: rubati 15 miliardi in due anni

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Come abbiamo potuto notare, sono davvero tanti i pagamenti previsti per l’ultimo mese dell’anno. Non resta pertanto che segnare le varie date sul calendario, in modo tale da accettarsi che non vi siano dei ritardi. In caso di dubbio, inoltre, si consiglia sempre di consultare il proprio fascicolo previdenziale disponibile sul sito dell’Inps, in modo tale da sapere quando verranno effettivamente effettuati i pagamenti spettanti sul proprio conto.