I genitori con figli disabili a carico riceveranno un assegno da 150 euro. Vediamo quali sono i requisiti da soddisfare e le modalità per inoltrare la domanda.

importo assegno
Pixabay

Il Decreto che prevede l’erogazione di un assegno da 150 euro alle famiglie con un componente minore disabile a carico è ufficiale. La pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale è stata effettuata, ora occorre solamente procedere con l’invio della richiesta. La misura rientra tra le tante agevolazioni che il Governo, in questo caso il Ministero del lavoro e dell’Economia, attiva per poter sostenere i nuclei familiari che necessitano di aiuti di vario genere. Il sussidio economico vuole sostenere per tre anni le famiglie in difficoltà ma è prevista la possibilità di una proroga oltre il 2023. Per ora il fondo stanziato è di 5 milioni di euro.

Assegno per figli disabili, cosa prevede il Decreto

I genitori di figli disabili a carico che versano in situazioni di gravi difficoltà economiche possono ottenere l’erogazione di un assegno di 150 euro al mese per un totale di 1.800 euro all’anno. I requisiti di accesso alla misura sono l’aver perso il lavoro oppure l’assenza di redditi sufficienti per poter provvedere al sostentamento della famiglia.

Altra condizione è un ISEE inferiore a 8.145 euro all’anno che scende a 4.800 euro nel caso dei lavoratori autonomi. Tale soglia massima fa riferimento ad uno solo dei genitori dato che l’integrazione può essere richiesta anche dai nuclei monoparentali con figli a carico. In questo caso i requisiti di accesso prevedono la residenza in Italia, l’ISEE non superiore a 3 mila euro e una percentuale di disabilità del figlio a carico superiore al 60%. 

Modalità di inoltro della domanda

Per poter richiedere l’assegno per figli disabili a carico sarà necessario accedere al portale dell’INPS e inoltrare l’istanza. L’ente verificherà che tutti i requisiti richiesti vengano soddisfatti prima di concedere la misura. La domanda ha validità annuale. Ciò significa che trascorsi dodici mesi sarà necessario rinnovare la richiesta per poter continuare a ricevere l’assegno. Occorrerà, naturalmente, che le condizioni siano ancora rispettate.

Leggi anche >>> Bonus da 1000 euro che si può ottenere senza ISEE: di cosa si tratta e come richiederlo

Importo e dettagli della misura

L’importo di 150 euro spetta ai nuclei con un solo figlio disabile. Se i componenti disabili a carico sono due l’importo dell’assegno salirà a 300 euro per toccare il limite massimo di 500 euro con tre figli o più. La domanda dovrà essere inoltrata fin d’ora dato che il versamento da parte dell’INPS inizia dal mese di gennaio. Qualora i requisiti subissero modifiche durante i dodici mesi, l’ente potrebbe interrompere i pagamenti così come nel caso in cui il figlio venisse ricoverato in ospedale o in una casa di cura. Infine, è importante sapere che la misura è cumulabile con il Reddito di Cittadinanza, l’indennità di accompagnamento e ad altri bonus erogati per motivi di disabilità o economici.