L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro ha di recente reso note alcune importanti novità. Ecco cosa sta succedendo.

Inail premi assicurativi
Foto © AdobeStock

A partire dalle bollette fino ad arrivare al lavoro, sono davvero tante le cose a cui dover prestare attenzione. Se tutto questo non bastasse la macchina amministrativa non si ferma mai e per questo motivo bisogna sempre prestare attenzione ai vari cambiamenti.

Proprio in tale ambito è bene sapere che l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro ha di recente reso note alcune importanti novità. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Lavoro, novità in arrivo dall’Inail: tutto quello che c’è da sapere

Qualche mese fa l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro ha annunciato dei cambiamenti per quanto riguarda le modalità di accesso ai servizi. Ultimamente, invece, l’Inail ha reso noto, attraverso la circolare numero 32/2021 del 23 novembre, di aver deciso di aggiornare i limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi dovuti dopo la rivalutazione delle rendite avvenuta dal 1° gennaio 2021.

Entrando nei dettagli, ricordiamo che il calcolo dei premi dovuti all’Inail viene effettuato  applicando alla retribuzione un tasso di premio. Quest’ultimo è indicato dalla Tariffa Inail che fa riferimento al tipo di lavoro svolto e assicurato. Per quanto riguarda la retribuzione, si fa riferimento è quella effettiva erogata ai lavoratori.

Se inferiore a quanto previsto da leggi e contratti, allora bisogna prendere in considerazione il minimale fissato per legge.  Tale dato, quindi, è soggetto a rivalutazione annuale in base all’aumento Istat. Vi sono alcuni casi, ricordiamo, in cui il calcolo dei premi assicurativi Inail non viene effettuato sulla retribuzione effettiva, bensì su una retribuzione convenzionale.

Inail, aggiornati i premi assicurativi dovuti dal 1° gennaio 2021

In particolare, in seguito al recepimento delle indicazioni contenute in un precedente decreto del Ministero del Lavoro, l’Inail ha reso noto la rivalutazione delle prestazioni economiche nel settore industria. Questo a partire dal 1° gennaio 2021. In tal caso l’importo minimo è pari a 17.448,90 euro, mentre il massimale è pari a 32.405,10 euro.

Rientrano in tale categoria i detenuti e internati, gli allievi dei corsi di istruzione professionale, i lavoratori impegnati in lavori socialmente utili e di pubblica utilità. Ma non solo, anche i lavoratori impegnati in tirocini formativi e di orientamento. Tra gli altri si annoverano coloro sospesi dal lavoro utilizzati in progetti di formazione o riqualificazione professionale, i giudici onorari di pace e vice procuratori onorari.

Considerando che dal 1° gennaio 2021 il minimale è pari a 17.448,9 euro, la retribuzione su cui versare i premi assicurativi è pari a 1.454,08 euro al mese. Per quanto riguarda i lavoratori dell’area dirigenziale, il valore giornaliero per il pagamento del premio è di 108,02 euro.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass obbligatorio, nuova stretta: quanto costa fare i tamponi per andare a lavoro

Ma non solo, l’aggiornamento delle rendite Inail va ad incidere anche sul calcolo del premio annuale gli allievi degli istituti di formazione regionali curati dalle istituzioni formative e dagli istituti scolastici paritari. In particolare  la misura del premio annuale a persona aumenta proporzionalmente, a partire dal 1° gennaio, a 2,79 euro.