Il decreto Super Green Pass ha rivoluzionato le norme relative agli spostamenti. Cosa cambia per metro, treni e bus e come ci si dovrà muovere per andare in vacanza 

Green Pass
Fonte Adobe Stock

La situazione covid è sempre in costante mutazione, così come le regole di prevenzione. Il Governo Draghi in virtù del lieve aumento dei contagi, ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza istituendo il Super Green Pass.

Questo strumento avrà una forte incidenza anche per i mezzi pubblici, che finora in qualche modo erano stati esonerati dai controlli. Scopriamo in che modo lo scenario muterà a partire dal prossimo 6 dicembre e quali accortezze bisognerà necessariamente tenere a mente.

Super Green Pass: per quali mezzi serve necessariamente

Resta tutto invariato per quanto concerne i viaggi all’estero per cui ci si deve attenere alle regole decise dalla Commissione Europea (anche se non è da escludere che anche queste possano cambiare).

Focalizzandoci sui confini italici basta il normale Green Pass (ovvero quello che contempla anche un tampone negativo valido per 48 ore) per aerei, navi e traghetti interregionali, treni Intercity e Alta Velocità e autobus tra regioni diverse. Questo però vale per le zone bianche e gialle. 

L’unica differenza è che anche i treni regionali e il trasporto pubblico locale saranno riservati solo a chi è in grado di fornire la normale certificazione verde. Quindi chi non si è sottoposto ancora al vaccino, potrà spostarsi con i mezzi pubblici solo effettuando un tampone che dia esito negativo.

Cosa succede invece in zona arancione? Semplice. Le principali attività di svago come cinema, teatro, palestre e stadi sarebbero accessibili solo a chi è in possesso di Super Green Pass. Medesimo il discorso per gli spostamenti, con vaccinati e guariti dal covid che potranno muoversi liberamente. Almeno questo è quello che si può estrapolare dalla bozza del decreto. Per comunicazioni ufficiali è meglio pazientare ancora. 

LEGGI ANCHE >>> Green Pass online, scatta l’indagine: “Illecita diffusione dei dati”

Un’altra grande novità riguarda gli alberghi. Il Green Pass ordinario infatti sarà obbligatorio per accedere alle strutture ricettive, mentre prima non lo era. Al momento queste sono le introduzioni di maggior rilievo. Essendo tutto in continuo divenire non sono da escludere ulteriori cambiamenti a stretto giro.