Tra i falsi miti inerenti il cibo e le bevande ce n’è uno piuttosto curioso riguardante il caffè. Ecco di cosa si tratta nello specifico e perchè è bene conoscerlo

Caffè
Fonte Pixabay

Le credenze e le dicerie riguardanti il cibo e le bevande sono molteplici e alle volte fin troppo radicate nella società. Per questo si tende sempre a credere che siano vere, senza però appurare realmente quanto viene detto “in giro”.

Un esempio piuttosto calzante è quello relativo al caffè, uno dei piaceri più cari al popolo del Bel Paese. Che sia a colazione, dopo i pasti o in una pausa da lavoro, sorseggiarlo deve essere un momento di relax e benessere.

Caffè con lo zucchero di canna: sfatato il mito che sia salutare

Visto l’abuso che spesso si fa di questa bevanda (con annesse dosi di zucchero), in tanti si rifugiano nell’escamotage dello zucchero di canna. Quante volte vi siete sentiti dire che è meno dannoso rispetto a quello classico? Probabilmente una marea di volte.

In realtà però non è propriamente così, così come ribadito dall’Istituto Superiore di Sanità che di fatto ha smentito questo pensiero piuttosto diffuso. O meglio, secondo l’ISS sono esattamente equivalenti.

Per produrli infatti si estrae esattamente la stessa molecola, ovvero il saccarosio. Durante questo processo, lo zucchero può subire una raffinazione più o meno consistente. Qualora non venga lavorato molto, nel prodotto finito potrebbero restare alcune impurezze, dovute ad una sostanza detta malassa. 

La percentuale di melassa residua in genere è compresa tra l’1% e il 5%. Il prodotto che si ottiene è esattamente lo zucchero di canna. Se invece la melassa venga eliminata totalmente ciò che viene fuori è lo zucchero bianco o classico come dir si voglia. 

LEGGI ANCHE >>> Quanti caffè al giorno? Ecco il numero ideale (anche per la prevenzione)

In sostanza tra i due tipi di zucchero intercorre una differenza di melassa del 5%. Quindi nel momento in cui si opti per caffè con aggiunta di zucchero di canna, bisogna applicare il medesimo principio che si usa per quello classico, ovvero non esagerare. Ad ogni modo, un consulto medico per capire se si può abusare o meno di questa bevanda e di eventuali aggiunte è sicuramente utile, soprattutto per chi non è più giovanissimo.