I vaccini Pfizer e Moderna quanto fanno guadagnare alle case farmaceutiche produttrici? Ecco la cifra che stupirà.

Vaccino guadagni
Adobe Stock

Il Covid 19 ha scatenato la necessità di procedere con la vaccinazione per cercare di arginare il più possibile la pandemia. I vaccini più utilizzati sono Pfizer e Moderna, due aziende che dominano il mercato e ottengono guadagni stratosferici. Nonostante le polemiche, i dubbi e le incertezze che assillano tante persone, la campagna vaccinale procede e, ad oggi, risulta vaccinato quasi l’80% della popolazione italiana. Qual è il guadagno in questo contesto delle case farmaceutiche?

Vaccini Pfizer e Moderna, i guadagni

L’associazione People’s Vaccine Alliance ha stimato in un rapporto un guadagno per le case farmaceutiche di 66 mila dollari al minuti ovvero circa 1.000 dollari e passa al secondo. Aver trovato una soluzione al Covid sta sfruttando guadagni stratosferici alle aziende produttrici dei vaccini Pfizer e Moderna. L’ipotesi è di una chiusura nel 2021 con un fatturato di incasso complessivo di circa 34 miliardi di dollari.

Un arricchimento che crea diverse polemiche soprattutto in relazione alla distribuzione non equa dei vaccini. L’associazione ha sottolineato questo punto specificando come i guadagni delle aziende derivano principalmente dalla vendita dei prodotti alle nazioni più ricche mentre continenti come l’Africa sono completamente ignorati mentre le persone continuano a morire. I dati riportano che solamente il 2% delle nazioni con un reddito basso hanno ricevuto due dosi di vaccino per il Covid 19.

Leggi anche >>> Covid, ritornano i colori? Una Regione verso il giallo

La questione dei brevetti

L’Alliance ha avanzato richiesta per rendere pubblici i brevetti ma tale domanda è stata respinta. L’esclusività rimane così come il monopolio per le aziende produttrici. Tutte le varie associazioni contrarie a questa politiche si sono espresse sottolineando come Pfizer, Moderna e BionTech continuano a sfruttare la posizione di vantaggio concessa grazie al monopolio prestando maggiore attenzione ai contratti con i paesi ricchi dato che sono maggiormente redditizi. Inoltre, denunciano come oltre 500 mila persone siano lasciate a loro stesse perché vivono nelle nazioni più povere del mondo.

La situazione, per ora, sembra stabile e i numeri dei casi di Covid 19 e dei morti in Africa, ad esempio, continuano a salire. I dati del 2 novembre riportano oltre 8 milioni e 500 mila contagi e più di 200 mila decessi. La percentuali di vaccinati nel continenti è del 6% e su 268 milioni di dosi distribuite ne sono state somministrate 188 milioni. L’emergenza è reale e l’impegno deve essere maggiore.