L’indice Rt relativo ai contagi da Covid risale e spedisce la Lombardia verso la zona gialla. Ne ha parlato il commissario alla campagna di vaccinazione, Guido Bertolaso.

Covid Lombardia zona gialla
Foto © AdobeStock

L’avvicinamento al periodo natalizio, teoricamente, dovrebbe farci respirare delle atmosfere di normalità. Invece, la marcia verso le Festività riporta al centro del dibattito nientemeno che l’Italia “a colori”, la strategia anti-contagio usata fino a qualche mese fa per contraddistinguere il livello di rischio all’interno delle varie Regioni. Strumento che, ora, con la parziale risalita dei contagi torna a essere indicato come una possibile soluzione. Soprattutto in quelle zone in cui la presenza del Covid inizia a ritornare sopra i livelli di contenimento, richiamando le autorità sanitarie alla valutazione di misure ad hoc.

A patire la situazione di incertezza è la regione che, più di tutte, nel pieno della pandemia ha affrontato i lati peggiori dell’emergenza sanitaria. Come dichiarato dal commissario alla campagna di vaccinazione regionale, Guido Bertolaso, il Covid in Lombardia sta facendo nuovamente registrare numeri elevati. Per questo, al fine di prevenire ulteriori ondate pandemiche, si starebbe valutando il ritorno in zona gialla, ovvero la fascia di rischio meno elevata ma comunque un primo limite agli spostamenti. E, soprattutto, la rievocazione di momenti di  incertezza che nessuno vorrebbe rivivere, specie a Natale.

Covid in Lombardia: la situazione sanitaria

Le autorità sanitarie lombarde guardano con preoccupazione alla risalita dei contagi: i casi di positività sono aumentati del 70% in una settimana nella sola Città metropolitana di Milano. Inoltre, un sensibile aumento (sia nei contagi che nelle quarantene) si sarebbe registrato fra i ragazzi in età scolastica, nella fascia compresa fra i 6 e i 13 anni. Dati che hanno contribuito al ritorno dell’indice Rt al di sopra dei livelli di guardia. Bertolaso, in una diretta sulla pagina Facebook Lombardia Notizie Online, ha fatto sapere che con l’avvicinarsi del periodo più freddo una recrudescenza del Covid c’era da aspettarsela. Spiegando inoltre che, nonostante la progressione della campagna vaccinale, anche quest’anno dovremo affrontare una nuova diffusione del virus.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino anti-Covid, attenti alla truffa: il messaggio che vi svuota il conto

Al momento, in Lombardia la somministrazione del vaccino è a buon punto. La popolazione over 12 è stata coperta per il 93%, per un totale di circa 16 milioni di dosi effettuate a fronte delle 17.200.000 consegnate. Da mercoledì, inoltre, è stato dato il via alla somministrazione delle terze dosi per gli over 60 nelle farmacie. Un’adesione che, secondo Bertolaso, ha contribuito a limitare di molto la recrudescenza del Covid. Eppure, si torna a parlare di zona gialla, la quale scatta nel momento in cui l’incidenza settimanale dei nuovi casi va oltre i 50 contagi ogni 100 mila abitanti e l’occupazione dei ricoveri in terapia intensiva e in area medica supera, rispettivamente, il 10% e il 15%. Tutti gli ambiti della vita pubblica ne risentiranno: capienze ridotte in locali e luoghi di cultura e obbligo di mascherina all’aperto. Decisamente non una bella prospettiva per il venturo Natale.