Tartufi di Alba al Cipriani Montecarlo, locale in del Principato di Monaco. Briatore invita i suoi follower ma il prezzo è da capogiro.

Tartufi bianchi
Foto © AdobeStock

C’è l’oro giallo, l’oro nero e, a quanto pare, pure l’oro gastronomico. A svelarlo è Flavio Briatore, che dal suo canale Instagram mostra ai propri follower qualcosa effettivamente di prezioso, almeno sul piano alimentare. Non che piaccia a tutti ma essere abbastanza fortunati da trovare, durante una bella passeggiata, una particolare qualità di tartufo è decisamente un colpo di fortuna. E, a quanto pare, al fondatore del Billionaire è andata di superlusso. In un filmato sul social, infatti, Briatore mostra alcuni pezzi di tartufo bianco di Alba, ovvero una delle più pregiate qualità disponibili in Italia.

Tuttavia, niente che l’ex team manager di Renault F1 abbia raccolto grazie a un’escursione nei boschi. “Guardate che roba – dice – : quest’anno i tartufi non si trovano, noi ce li abbiamo”. Il “noi” sta per il Cipriani Montecarlo, ovvero uno dei ristoranti più esclusivi del Principato di Monaco, decisamente fuori portata per un semplice turista ma comunque fra i più rinomati dei locali monegaschi. Ed è in questo contesto che Briatore parla di “oro gastronomico”, mostrando orgogliosamente i tuberi ai propri follower.

Briatore e i tuberi a Montecarlo: quanto costano

In sostanza, se a qualcuno stesse balenando l’idea di fare un giretto nel Principato, sappia che al Cipriani Montecarlo sono disponibili i tartufi bianchi di Alba. Uno dei pezzi più pregiati dell’infinita varietà gastronomica offerta dal nostro Paese. Chiaramente, se siete appassionati del prezioso tubero saprete benissimo che la loro bontà è proporzionale al loro prezzo. Briatore parla di tagliatelle e, gli intenditori lo sapranno senz’altro, si tratta di un piatto prelibato, specie se uscendo dalla cucina è accompagnato dall’inconfondibile profumo del tartufo.

LEGGI ANCHE >>> Flavio Briatore, quanto guadagna il re del Billionaire: patrimonio e stipendio

Il problema, perché in fondo di problema si tratta, si manifesterebbe al momento del conto in cassa. Il tartufo di Alba, infatti, è sì fra gli alimenti più pregiati e importanti della gastronomia nostrana ma è anche uno dei più costosi. Il prezzo, infatti, balla fra i 2.500 e i 4 mila euro al chilo. E nemmeno il semplice condimento della pasta sfugge alla dura legge del costo. Un piatto di tagliatelle al tartufo sarebbe delizioso ma decisamente fuori budget per la maggior parte dei consumatori. Così come i locali più esclusivi di Montecarlo. Ma questo è un altro discorso…