Attenzione! Ritirato dagli scaffali un altro farmaco per l’ipertensione. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quale si tratta.

Farmaci richiamo
Foto © AdobeStock

Sono tanti i prodotti presenti sugli scaffali dei vari esercizi commerciali e farmacie, che finiscono per attirare il nostro interesse. Tra questi anche i vari medicinali, molti dei quali disponibili anche senza prescrizione del medico, attraverso cui cercare di alleviare disturbi di varia entità. Commercializzati in confezioni di varie forme e dimensioni, ogniqualvolta acquistiamo un prodotto, però, è sempre bene stare attenti alle relative caratteristiche, al fine di evitare spiacevoli inconvenienti.

Proprio in tale ambito giungono in nostro aiuto le varie autorità competenti, che provvedono tempestivamente a segnalare eventuali problemi. Ebbene, proprio in questo contesto vi segnaliamo il recente ritiro dagli scaffali di un altro farmaco per l’ipertensione, in seguito al richiamo volontario della casa farmaceutica. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quale si tratta.

Un altro farmaco per l’ipertensione ritirato dagli scaffali: ecco di quale si tratta

Il mercato è continuamente segnato da richiami di prodotti di vario genere. Solo qualche giorno fa è stato segnalato il richiamo in via precauzionale di farmaci per la pressione alta, a causa di impurezze oltre i limiti consentiti.

L’ultima segnalazione, in ordine di tempo, invece, arriva dalla Società Zentiva che ha comunicato con una propria nota risalente lo scorso 2 novembre il richiamo volontario immediato di un lotto IRBESARTAN ZEN*28CPR 150MG – AIC 041974078. Entrando nei dettagli il lotto oggetto di richiamo è il numero FT074 con scad. 6/2023

Le confezioni presenti in farmacia del suddetto farmaco, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non sono più vendibili“. La Società Zentiva ha infatti incaricato la società DHL Supply Chain SpA a provvedere al ritiro delle relative confezioni.

Irbesartan Zentiva, ricordiamo, viene in genere utilizzato dagli adulti per il trattamento dell’ipertensione arteriosa essenziale, ma anche per il trattamento della malattia renale nei pazienti ipertesi con diabete mellito di tipo 2, in quanto parte di un trattamento farmacologico antipertensivo.

LEGGI ANCHE >>> Una lunga serie di medicinali ritirati dal commercio: c’è anche Astrazeneca, controllate bene

Se assumete il farmaco in questione, quindi, è bene controllare il numero di lotto e nel caso in cui si tratti proprio di quello segnalato non utilizzarlo.