Per l’acquisto di una casa, il periodo sembra favorevole. I mutui a tasso agevolato anche ai titolari della Legge 104: vediamo come.

Legge 104 mutuo
Foto © AdobeStock

Un buon momento per l’acquisto di una casa. E questo nonostante il momento storico di difficoltà generale. I mutui agevolati, disposti per incentivare soprattutto i giovani all’acquisto di un immobile, consentiranno probabilmente di estendere il ventaglio dei contratti fra istituti bancari e acquirenti. Soprattutto grazie ai bonus pensati dal Governo che, di fatto, permettono di accedere al Fondo di garanzia senza bisogno che un terzo intervenga in qualità di garante. Ma, a quanto pare, i mutui a tasso agevolato non sono prerogativa esclusiva dei giovani, dal momento che anche i cittadini che, a vario titolo, usufruiscono dei benefici della Legge 104 possono rientrare nell’agevolazione.

A essere riconosciuti fra i beneficiari, dunque, saranno anche quei nuclei familiari che al loro interno avranno almeno un componente affetto da disabilità. Una possibilità offerta da Plafond Casa, tramite un fondo di garanzia datato 2013 aperto tramite convenzione fra Cassa Depositi e Prestiti e Associazione bancaria italiana. L’obiettivo è l’erogazione di mutui agevolati tramite quegli istituti bancari aderenti alla convenzione. Plafond Casa sarà accessibile a patto che gli immobili siano a uso residenziale. In modo prioritario, verranno elargite agevolazioni per abitazioni destinate a essere principali.

Mutui agevolati alle 104: come accedere a Plafond Casa

L’accesso a Plafond Casa potrà essere consentito anche in merito a lavori di ristrutturazioni volti a migliorare l’efficienza energetica dell’edificio. Per quanto riguarda i possibili richiedenti, rientrano nella categoria le famiglie con almeno tre figli a carico e le coppie under 40 (con uno dei due componenti sotto i 35 anni di età) con un nucleo familiare formato da almeno due anni. L’agevolazione consentirà o di accedere a un finanziamento per l’acquisto della casa fino a 250 mila euro, oppure destinato alla ristrutturazione ed efficientamento energetico fino a 100 mila euro. Infine, potrà essere finanziato fino a un massimo di 350 mila euro l’acquisto contestuale alla ristrutturazione. In questo caso, vigerà l’obbligo del miglioramento energetico.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104, novità dal Governo: cosa cambia per invalidi e caregiver

Come detto, nel ventaglio dell’agevolazione rientreranno anche i beneficiari degli effetti della Legge 104. I finanziamenti varieranno in base alle finalità per le quali saranno concessi. Ad esempio, in caso di acquisto della casa con o senza ristrutturazione, i mutui andranno su un periodo compreso di 20 o 30 anni, siano a tasso fisso o variabile. I finanziamenti per lavori di efficientamento energetico toccheranno un tetto massimo di 10 anni. Attenzione: occorrerà sempre accertarsi che le banche scelte abbiano aderite alla convenzione. Dopodiché basterà inoltrare apposita domanda direttamente alle stesse. Occhio alla tempestività: l’agevolazione sarà disponibile fino a risorse esaurite.