Il consumo della benzina oltre al prezzo d’acquisto, è influenzato anche da altri fattori che se tenuti a bada possono comportare un risparmio di non poco conto

Caro benzina
Fonte Pixabay

L’aumento del costo della benzina è una triste realtà con cui gli automobilisti italiani devono necessariamente fare i conti. Naturalmente non si possono limitare gli spostamenti, soprattutto se dovuti a motivi di lavoro o per esigenze personali, ragion per cui questo rincaro proprio non si può raggirare.

Al contempo però con una buona dose di lungimiranza, si può contenere la spesa ed evitare che nel computo del proprio bilancio mensile vada ad incidere in maniera netta quella relativa alla fornitura di carburante. 

Caro benzina: i fattori da tenere in considerazione per abbattere i costi

Oltre al bonus benzina, che è stato istituito da poco, ci sono altri particolari che consentono di contenere in parte i consumi. Ad esempio in pochi ne sono al corrente, ma lo stile di guida può fare la differenza in tal senso, a prescindere dal fatto che la nostra vettura sia a benzina, a diesel o gas. 

Andare ad una velocità moderata e ridurre i giri del motore, che non andando sotto sforzo evita di far salire le marce, può essere la mossa giusta. Nello specifico sarebbe importante tenersi sotto i 2500 giri per motori a benzina e 2000 per quelli a diesel prima di cambiare marcia. Assolutamente da evitare il contrario. Partire in terza farebbe consumare di più.

I consumi possono dipendere anche dalle frenate, o meglio da quelle brusche. Per questo i criteri di distanza dal veicolo che ci precede e di velocità costante devono sempre essere applicati (soprattutto per ragioni di sicurezza).

LEGGI ANCHE >>> Benzina, risparmiare un bel po’ di soldi è possibile: basta scegliere il distributore giusto

In inverno può rivelarsi deleteria l’aria condizionata. Se tenuta sempre in funzione può avere un impatto importante sul carburante. Quindi, una volta riscaldata a dovere la macchina, si possono tranquillamente spegnere. Un po’ come per i termosifoni dentro casa. Stesso dicasi per l’estate, quando l’aria fredda è necessaria per sopperire alle traversate in auto sotto al sole cocente.

Ultimo consiglio, ma non per ordine di importanza è quello di non sovraccaricare il veicolo. Più pensante è il carico a bordo, più si consuma per muoversi.