E’ il momento di spendere il Bonus Terme presso una delle destinazioni da sogno. Scopriamo come accedere all’elenco completo per prenotare il meritato riposo.

Bonus Terme 2021
Adobe Stock

Dal 2 novembre è noto l’elenco di tutte le strutture accreditate presso cui utilizzare il Bonus Terme. Parliamo della misura erogata sotto forma di voucher dal valore massimo di 200 euro. La richiesta di accesso all’agevolazione può essere avanzata da tutti i cittadini maggiorenni, senza limiti di ISEE e residenti in Italia. L’importo può essere speso per passare qualche giorno alle terme, in un albergo con spa e godersi, così, riposo e svago dopo due anni di paure e incertezze. Nel rispetto di tutte le direttive anti-covid, è il momento di prenotare e partire. Ma quale sono le strutture tra cui scegliere?

La prenotazione del Bonus Terme, come funziona

Invitalia ha creato una piattaforma apposita per il Bonus Terme. La società scelta dal Ministero dello Sviluppo Economico per gestire la misura ha ideato un portale a cui accedere per visionare l’elenco delle strutture accreditate e per richiedere l’agevolazione. L’iter di prenotazione è molto semplice. Non sarà necessario procedere con la compilazione di alcun modulo ma bisognerà semplicemente inviare una e-mail alla struttura scelta. L’hotel provvederà, poi, a richiedere il Bonus che verrà erogato finché ci saranno fondi disponibili. La struttura stessa prenoterà il pernottamento e informerà i richiedenti ad operazioni ultimate.

Come detto, dal 2 novembre è possibile visionare l’elenco e inviare l’e-mail ma la struttura potrà avanzare richiesta del Bonus Terme solamente dall’8 novembre in ordine cronologico in base all’arrivo. La tempistica è fondamentale e sarà l’albergo stesso a comunicare ai clienti l’esito della domanda.

Leggi anche >>> Bonus vacanze, la scadenza è dietro l’angolo: fino a quando si può usare

I dettagli del bonus, importo e servizi inclusi

Il Bonus Terme copre fino al 100% delle spese sostenute ma entro il limite massimo di 200 euro. Superando tale cifra, il cittadino dovrà pagare la differenza di tasca propria. I servizi inclusi nella misura sono sia quelli esenti da IVA che quelli soggetti ad IVA. L’agevolazione, invece, non è utilizzabile per soggiorni presso terme sovvenzionate dal SSN o da altri enti pubblici; non è cedibile a terzi né utilizzabile per i servizi di ristorazione e ospitalità. Allo stesso modo non costituisce reddito imponibile (non deve essere inserito nella dichiarazione dei redditi).