Quanto guadagnano i rider nei vari delivery? Vi siete mai chiesti se lo stipendio di un fattorino è più alto da Glovo piuttosto che da Deliveroo? 

Rider

Il rider è un lavoro dove si guadagna in base a quante più consegne si riesce a fare. Dopo le polemiche scaturite sulla situazione contrattuale, c’è da chiedersi quali sono le aziende di delivery che pagano di più.

Quello del rider può essere un vero lavoro?

Sono molte le persone che considerano fare il rider un vero lavoro. Un impiego che permette di guadagnare una sorta di stipendio part-time. Grazie alla flessibilità oraria viene scelto da tanti giovani che così possono studiare o fare un altro lavoro part-time, e portare a casa una paga onesta. Fino a poco tempo fa, i compensi dei rider erano erogati con ritenuta d’acconto. Dopo molte lamentele vennero messi sotto ai riflettori anche dalla stampa, e posti all’attenzione del Garante dei diritti dei lavoratori. Le polemiche riguardavano non tanto e non solo l’importo lordo orario ma anche quelle condizioni generali di subordinazione. Di fatto non garantivano indennità ad esempio in caso di incidente o malattia.

Finalmente, dopo qualche confronto con le associazioni di categoria, le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl e Uil e grazie alla tenacia dei rider stessi, è stato ideato un contratto ad hoc. Questi lavoratori rientrano adesso nell’ambito del “trasporto e logistica”. Il rider dunque è un vero lavoro a tutti gli effetti. C’è una firma su di un CCNL, una paga base, scatti di anzianità, ferie, malattia e tutte le tutele che siamo abituati a vedere per altri tipi di mestiere.

Naturalmente, il rider più ore lavora e più guadagna. Nel contratto tipo sono previste tre fasce con 10, 20 e 30 ore settimanali. Il dipendente può scegliere in base alle sue esigenze, comunicarle all’azienda di settimana in settimana e montare in sella per consegnare cibi in tutta la città.

Vuoi fare il rider? Ecco dove pagano di più

Anche se il contratto di lavoro comprende tutte le aziende partecipanti, come Glovo, Just Eat, Deliveroo e altri, naturalmente è sempre il vertice che decide la paga oraria dei suoi dipendenti, e le aziende del business delivery non fanno eccezione. Ecco quanto puoi guadagnare se cominci a consegnare cibo – ma anche altri tipi di beni – per le principali aziende presenti in Italia.

La paga del rider da Just Eat

Fare il fattorino per Just Eat comporta un guadagno iniziale di 8,50€ lordi all’ora più 0,25 a consegna – sono previsti comunque delle maggiorazioni dopo un tot di consegne – , ma soprattutto importi maggiori in caso di festività, orari notturni e straordinari. La paga arriva dopo qualche tempo a 9,00€ l’ora e nel contratto sono contemplate tutte le tutele previste per gli altri tipi di lavoratori subordinati: ferie, maternità, paternità, malattia e TFR.

Le indennità previste da Just Eat

Ma non è tutto perché, come dichiara Just Eat nei comunicati stampa, vengono previste anche “indennità a titolo di rimborso chilometrico per l’utilizzo del proprio mezzo per le consegne, ciclomotore o bicicletta, e l’applicazione piena e integrale delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza e consegna di tutti i Dpi previsti dalla normativa vigente, dotazioni di sicurezza gratuite fornite da Just Eat come casco, indumenti ad alta visibilità e indumenti antipioggia e zaino per il trasporto del cibo, oltre a igienizzanti e mascherine anti-Covid”. In caso di maltempo, poi, sono previsti ulteriori incentivi sulla manutenzione della bici o dello scooter. Si tratta dunque di un’azienda, quella di Just Eat, che tutela i suoi lavoratori in tutto e per tutto.

Quanto paga Deliveroo

L’azienda fondata nel Regno Unito e divenuta famosa in tutto il mondo offre un contratto di collaborazione oppure con Partita Iva; questo significa che se vuoi lavorare con Deliveroo puoi iniziare come collaboratore, ma una volta raggiunto un guadagno di 5.000€ dovrai diventare un libero professionista ed emettere regolare fattura. Deliveroo offre 10€ lordi all’ora come paga minima per le consegne, secondo quanto stabilito dal CCNL di riferimento di cui abbiamo parlato nel primo paragrafo. Deliveroo contempla anche un “sistema premiale” che consiste in un incentivo monetario di 600€ erogato in caso di 2000 consegne effettuate in 1 anno. Per “anno” Deliveroo intende quello solare, ovvero dal 1 gennaio al 31 dicembre, e non da quando il rider ha cominciato a lavorare.

Cosa cambia con il nuovo CCNL

Con le definizioni del nuovo CCNL in sostanza non cambia molto per chi lavora da Deliveroo: ai rider viene fornito un Kit per lavorare in cui sono compresi anche i DPI, il casco o gli indumenti di alta visibilità, per citare i principali, e inoltre tutti i fattorini sono coperti dall’assicurazione INAIL in caso di infortuni e da Qover in caso di danni causati a terzi durante le consegne.

Quanto si guadagna con Glovo

Facendo una breve ricerca sui siti specializzati per cercare lavoro n.d.r – sembra che i riders che lavorano per Glovo percepiscano 4€ lordi l’ora. Il Kit base, come la divisa e lo zaino termico, viene fatto pagare, dai 25 ai 30€.

LEGGI ANCHE >>> Il rider non è arrivato? Come contattare Glovo per farsi restituire i soldi

La paga con Uber Eats

Vediamo se lavorare per Uber Eats, il colosso americano, è conveniente. L’azienda esegue tutte le procedure attraverso l’App omonima e gestisce quindi attraverso di essa anche i contratti di collaborazione, che sono a Partita Iva; il libero professionista, quindi, una volta eseguito l’accesso alla App, prende le ordinazioni per le quali guadagna circa 3€ netti cadauna. Il Kit “antipioggia” e l’abbigliamento da lavoro vengono pagati dal rider, e costano circa 70€. Uber Eats non fornisce pubblicamente le tariffe per le consegne, e va precisato che sono previste variabili come la distanza percorsa, la città stessa del luogo di lavoro e quote fisse di ritiro/consegna.