Ben 500 mila dollari vinti da un cittadino di una piccola cittadina dell’Ohio. Poi arriva la mannaia della tassazione. Lo scopo della lotteria è però onorevole.

Gratta e Vinci 777
Foto: Web

Poco più di 45 mila abitanti a Beavercreek, in Ohio. Un nome che evoca quasi una serie televisiva destinata a un pubblico di adolescenti ma che, in realtà, è stata indiretta protagonista di un exploit come pochi si sono visti nella storia della cittadina statunitense, sorta nell’ottocentesca Contea di Greene. Sotto i riflettori americani, la tranquilla città dell’Ohio ci finisce grazie a uno dei suoi cittadini, capace di centrare una vincita pazzesca al popolare Gratta e vinci Triple Red 777. Un tagliando da soli 10 dollari, in grado però di regalare un primo premio di tutto rispetto.

Il protagonista della giocata è riuscito a fare l’en plein: ben 500 mila dollari, grazie a una combinazione vincente ottenuta grattando le varie caselle del Gratta e vinci. Un biglietto acquistato in una ricevitoria del posto e, di fatto, utile per dare una sterzata sensibile alla propria vita. Soprattutto in una piccola città a oltre 100 chilometri dal capoluogo dello Stato, Columbus.

Super vincita al Triple Red: ecco quanto ha pagato di tasse

Cinquecentomila dollari, chiaramente, fanno gola a chiunque. Non è un caso che il Triple Red 777 sia uno dei Gratta e vinci più popolari degli Stati Uniti, istituito addirittura nel 1974. In quasi cinquant’anni, il gioco è stato in grado di elargire premi per oltre 27 miliardi di dollari. Anche se ogni premio si è scontrato con il sistema di tassazione degli Stati Uniti d’America. E nemmeno il tagliando del cittadino di Beavercreek è sfuggito alla cesoia. Di quei 500 mila dollari, alla fine, non gli è rimasto che poco più della metà: 360 mila dollari, ovvero con decurtazione del 28% di quanto vinto.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e vinci, occhio alla ‘zona magica’: dal 45 al 49 la vincita è sicura

Interessante, però, che il Triple Red abbia contribuito negli anni al sistema educativo dello Stato. La Ohio Lottery, infatti, è associata al programma Partners in Education, avviato nel 2007 e progettato per consentire un riconoscimento sia agli insegnanti che agli studenti. L’obiettivo è di fatto sostenere l’istruzione, tanto che il 100% dei profitti ottenuti dai sistemi di lotteria finiscono per finanziare i programmi di istruzione dell’Ohio, sia professionale che speciale. La stessa Lotteria è stata istituita ai sensi della Costituzione dello Stato, articolo XV, Sezione 6: l’intero ricavato netto sarà versando in un fondo del tesoro statale, che destinerà i proventi ai suddetti programmi didattici. In pratica, a fronte di un obiettivo del genere, anche una decurtazione del 28% può essere sopportata. D’altronde, 360 mila dollari sono decisamente meglio di niente.