Sul sito di Invitalia, sono da oggi disponibili i nominativi degli stabilimenti che aderiscono al Bonus Terme. Dai requisiti ai servizi: ecco come funziona.

Bonus Terme
Foto: Pixabay

Tutto pronto per il Bonus Terme, in partenza proprio dal 28 ottobre e riservato a tutti i cittadini che volessero usufruire dei servizi termali. Si tratta di un’agevolazione pari a 200 euro massimo, che può arrivare comunque a coprire la totalità dei servizi richiesti agli stabilimenti aderenti. Superata la soglia concessa, naturalmente, la differenza sarà a carico del cittadino. Tuttavia, il bonus ideato per incentivare il ricorso al turismo termale non riguarderà esclusivamente l’accesso alle aeree spa. Incluse nell’agevolazione, infatti, saranno anche le prestazioni relative al wellness e beauty. A patto che le strutture rientrino fra quelle registrate all’erogazione del servizio.

Qualche esclusione resta. Ad esempio, non verranno compresi nel Bonus Terme i servizi a carico del Servizio Sanitario Nazionale né di altri enti pubblici. Tutti i dubbi potranno comunque essere fugati dalla piattaforma online dedicata al servizio (sul sito di Invitalia), che nella pagina dedicata alle Faq risponderà alle domande dei fruitori. Sito web operativo a partire da oggi, 28 ottobre, ma solo per la registrazione degli stabilimenti che aderiranno. Per i cittadini che vorranno richiedere l’agevolazione bisognerà attendere lunedì 8 novembre.

Bonus Terme, come funziona: requisiti e servizi

Per quanto riguarda la tipologia, il Bonus Terme sarà a uso esclusivo del richiedente, nel senso che non sarà cedibile a terzi. Non vi saranno tuttavia dei limiti reddituali: l’agevolazione potrà essere richiesta da chiunque sia maggiorenne a prescindere dal suo Isee. Resta comunque l’uso esclusivo ai servizi termali e connessi, con esclusione, ad esempio, dei servizi di ristorazione o di ospitalità, nel caso si tratti di stabilimenti che svolgono anche la funzione di hotel. Il bonus non avrà limiti temporali ma sarà a disposizione dal momento dell’apertura alle richieste fino a esaurimento delle risorse (pari a 53 milioni di euro circa).

LEGGI ANCHE >>> Bonus terme al via il 28 ottobre: come funziona e chi può ottenerlo

Per quanto riguarda la prenotazione, il Bonus Terme verrà applicato nel momento in cui si riserva il proprio trattamento presso lo stabilimento prescelto. Sarà quest’ultimo, infatti, a rilasciare l’attestato di prenotazione, valido per 60 giorni dal momento dell’emissione. Da quel momento, ed entro tale limite, il richiedente potrà utilizzare il voucher in qualsiasi momento, pur rispettando i requisiti di fruibilità. Compresi i servizi esclusi.