Addebiti non autorizzati sulla PostePay, il problema sta coinvolgendo tanti utenti. Vediamo come chiedere il rimborso e risolvere la situazione.

PostePay addebiti
Poste

Da qualche giorno vengono segnalati addebiti anomali sulla carta PostePay. Apparentemente di tratta di operazioni autorizzate da Google Play per acquisti di applicazioni all’interno del negozio digitale. In realtà, gli utenti non hanno mai compiuto tali operazioni e, di conseguenza, gli addebiti non sono legittimi. Il valore si aggira tra i 4 e i 10 euro ma effettuando più addebiti al giorno, alcuni utenti hanno segnalato un prelievo anche superiore ai 100 euro. La situazione va avanti da una decina di giorni. Vediamo come risolverla.

Le ombre sulla carta PostePay, addebiti non autorizzati

A partire dall’8 ottobre sono arrivate tante segnalazioni relative ad addebiti non autorizzati sulla carta PostePay. Cifre variabili tra i 4/5 euro fino ai 10 euro ad addebito per acquisti su Google Play mai effettuati, questa la denuncia di tanti possessori della prepagata. I soggetti coinvolti hanno dichiarato non solo di non aver effettuato acquisti nel negozio digitale ma di non aver neanche cliccato su link o aperto messaggi o chat anomale che indirizzavano a siti phishing.

Le segnalazioni degli utenti

Le segnalazioni hanno preceduto un’azione da parte di Poste Italiane. Su Facebook, nelle recensioni di PostePay, su Reddit, la questione è stata spiegata nei dettagli da chi ha subito l’addebito. Tanti utenti hanno denunciato la violazione della carta, gli avvenuti addebiti anche più di una volta al giorno (in base alla disponibilità sul conto) e hanno consigliato a tutti i possessori di una PostePay di verificare immediatamente l’estratto conto. Gli illeciti devono essere bloccati immediatamente e denunciati per evitare che la problematica si prolunghi nel tempo.

Leggi anche >>> Postepay, ottenere fino 10 euro al giorno è possibile: ecco come

Come procedere per fermare gli addebiti e richiedere il rimborso

I possessori di una carta PostePay, una volta riscontrato l’addebito, possono segnalare l’accaduto direttamente a Poste Italiane. Presentando una contestazione per ogni addebito illegittimo subito potranno richiedere e avere diritto al rimborso. La richiesta potrà essere inoltrata attraverso la compilazione di un modulo che Poste Italiane ha messo a disposizione degli utenti sul proprio portale di riferimento. Dopo la compilazione, il modulo potrà essere consegnato in un ufficio postale, inviato via e-mail tramite PEC, per posta tradizionale oppure via fax.