Salmone affumicato via dagli scaffali: “Rischio alimentare, non mangiatelo”

Disposto il ritiro immediato di un particolare lotto di salmone. Secondo il Ministero della Salute vige un rischio microbiologico. Di cosa si tratta.

Salmone richiamo alimentare
Foto: Pixabay

Altro giro, altro richiamo. Il Ministero della Salute ha iniziato a fare sul serio con i prodotti potenzialmente rischiosi per la salute dei consumatori. Dopo dolci, yogurt, biscotti e bevande alimentari, stavolta è il turno del salmone. Quello scozzese affumicato a fetta lunga per la precisione, richiamato poiché latore di un presunto rischio alimentare. Sul sito del dicastero vengono precisati lotti e scadenze, oltre che il consueto avviso di non consumare né comprare il prodotto.

Si tratta del salmone di Sicily Food srl, marchio Fish & Fine, con lotto di produzione 103936090712-25421. Il marchio di identificazione dello stabilimento nel quale il prodotto è stato confezionato è RS 06026, mentre la data di scadenza è piuttosto prossima: 21 ottobre 2021. Non si tratta comunque di problematiche legate all’ossido di etilene, come accaduto negli ultimi mesi. Il rischio, infatti, sarebbe stato identificato come microbiologico.

Salmone affumicato richiamato: le indicazioni del Ministero

La prassi, anche trattandosi di ragioni differenti, resta la stessa legata all’ossido di etilene. Richiamo precauzionale, invito a non acquistare il prodotto e, se già comprato, a non consumarlo e a restituirlo presso il punto vendita d’acquisto. Nel comunicato del Ministero della Salute, si precisa che il rischio microbiologico deriverebbe dalla sospetta presenza di listeria monocytogenes a livelli non conformi. Il dicastero invita inoltre a fare riferimento all’indirizzo mail sicilyfood@sicilyfood.it o al numero di telefono 0922/441586 per eventuali comunicazioni o richieste di chiarimento.

LEGGI ANCHE >>> Altro richiamo alimentare, via la ciambella dagli scaffali: ecco il motivo

Il richiamo disposto, naturalmente, ha richiesto all’azienda produttrice di procedere all’immediata comunicazione alle strutture di vendita. Le quali, da par loro, avranno l’incombenza di tenere a disposizione dell’azienda il salmone affumicato oggetto del ritiro, così da facilitare la rimozione dagli scaffali. Un’ulteriore indicazione, a ogni modo, del trend sempre più restrittivo dei governi europei sui rischi alimentari. Dall’ossido ad altri agenti potenzialmente pericolosi: anche il minimo sospetto dà adito ai richiami. Ne va della salute di tutti.