Il rincaro in arrivo non è l’unico pericolo in bolletta. Una nuova truffa via mail punta a rubare i nostri soldi paventando fatture non pagate.

Truffa bolletta
Foto: Pixabay

Tempi di rincaro sulle utenze significano problemi per i portafogli. Soprattutto perché il momento storico è tutt’altro che favorevole a un incremento delle bollette, vista la crisi attraversata e un futuro fatto più di incognite che di speranze sul piano lavorativo. Tuttavia, gli italiani dovranno affrontare anche questa ulteriore prova, fronteggiando percentuali di rialzo sia sull’elettricità che soprattutto (in proporzione) sul gas. Senza contare tutti le altre problematiche diffuse che vanno dalle proteste contro il Green Pass all’applicazione delle nuove regole sul lavoro, imprescindibili per restare in linea con le disposizioni sanitarie.

Era probabilmente solo questione di tempo che qualcuno, spinto da sentimenti indifferenti alle difficoltà dei nostri giorni, approfittasse della situazione per mettere ancora più in crisi le già duramente provate tasche degli italiani. La nuova truffa, infatti, fa leva proprio sulle bollette, veicolando messaggi fallaci per dei fantomatici saldi mancanti che, se eseguiti, andranno a ingrossare la pancia di un imbroglione. Nelle ultime settimane le segnalazioni sono state ripetute. Mail perfettamente scritte, insospettabili se non per qualche dettaglio. Un’ulteriore sfumatura di un mondo particolarmente pericoloso come quello della truffa.

Truffa della bolletta: i trucchi per riconoscerla

La “ricetta” è sempre la stessa. Una mail (in questo caso falsamente firmata Tim) che ci mette sotto attacco paventando una serie di rischi, in questo caso quello di incorrere in sanzioni per delle mensilità arretrate. Dal momento che la stragrande maggioranza degli italiani è sotto copertura da parte di Tim, moltissime persone sono cadute nella trappola. Nel messaggio, con oggetto “Ultimo sollecito per pagamento bollette”, viene indicata una possibile interruzione del servizio nel caso in cui il saldo non venga effettuato entro pochi giorni. Addirittura, in allegato, comparirebbe un resoconto degli ultimi pagamenti. In sostanza, una trappola ben architettata.

LEGGI ANCHE >>> PostePay, il pericolo è dietro l’angolo: come difendersi dalla truffa letale

Immancabile, a questo punto, il “favoloso” tasto che risolverebbe, cliccando, tutti i problemi. Viene infatti indicato un “Effettua pagamento”, cliccato il quale si richiederanno i nostri dati, incluso il numero della carta di credito. Rispettando tale procedura, si consegneranno di fatto i nostri soldi ai truffatori. Si tratta infatti di una mail totalmente falsa, architettata allo scopo di rubare denaro senza colpo ferire. Per capirlo, basterà vedere il mittente: mai questi messaggi provengono da canali ufficiali. Un semplice controllo può davvero salvare i nostri soldi. Per fugare ogni dubbio, naturalmente, basterà chiamare il nostro gestore, sia per essere tranquillizzati sulla regolarità dei pagamenti che per segnalare il problema. Ne va della sicurezza di tutti.