Diversi utenti hanno segnalato una problematica piuttosto incresciosa relativa ad alcune operazioni effettuate con la Postepay. Ecco cosa sta succedendo

Postepay
Postepay (Fonte foto: web)

La Postepay è uno strumento utilissimo e di uso piuttosto comune. Ogni persona ne una o anche di più e la utilizza per diverse operazioni, visto che si tratta di una ricaricabile piuttosto semplice da utilizzare.

Alle volte però un po’ come tutte le carte presenti sul mercato, può incappare in problematica di non poco conto, che mandano gli utenti in apprensione. Proprio in questi ultimi giorni sembra sia sorto un nuovo grattacapo, che alla lunga può rivelarsi deleterio.

Postepay, problema dei pagamenti non autorizzati: cosa bisogna fare dopo averlo scoperto

Sono infatti arrivate numerose segnalazioni di pagamenti non autorizzati sulle carte ricaricabili, addebiti di pochi euro, che un po’ alla volta rischiano di privare di cifre più consistenti.

Il caso riguarda nello specifico Postepay, Standard ed Evolution, ma anche (seppur con minor frequenza) N26 e altre ricaricabili. Al momento non è chiara la natura dell’anomalia, ma ovviamente bisogna prendere delle contromisure per evitare di perdere ulteriore denaro.

Il passo inziale è segnalare l’accaduto e bloccare la carta. Il numero verde da chiamare per procedere istantaneamente con l’operazione è 800.00.33.22 attivo 24 ore su 24. In seguito è bene recarsi presso una stazione dei Carabinieri o in un commissariato di Polizia, per denunciare la vicissitudine subita. Servirà solamente dimostrare che la somma sia transitata sulla carta senza dover dare ulteriori spiegazioni. A quel punto verrà aperto un fascicolo contro ignoti.

LEGGI ANCHE >>> Ti è scaduta la Postepay? Come rinnovarla senza cadere in una truffa

Una volta espletate le suddette pratiche non resta che avviare la procedura di rimborso sollecitando Poste Italiane. La Cassazione ha infatti stabilito che è compito dell’istituto di credito adottare delle misure per evitare operazioni non autorizzate e truffe sulla carta del cliente.

Quindi, bisognerà presentare una copia della querela a cui allegare l’estratto conto per chiedere la restituzione del denaro ingiustamente perso. L’auspicio è quello che nel giro di poche settimane si possa capire qual è la radice del problema ed estirparla una volta per tutte.