Per preparare un ottimo caffè occorre considerare la regola delle tre M e scegliere l’acqua migliore da mettere nel serbatoio.

preparare buon caffè
Adobe Stock

Un buon caffè dopo i pasti è un’abitudine quotidiana degli italiani. Pur differendo nelle preferenze – c’è chi lo preferisce lungo, chi amaro, chi allungato e chi aggiunge un alimento speciale – tutti cercano di preparare il miglior caffè possibile. La principale regola da seguire è quella delle tre M, moka o macchinetta, mano e miscela, ma c’è un ingrediente a cui fare particolarmente attenzione. Parliamo dell‘acqua da mettere nel serbatoio, il cui sapore può influire positivamente o negativamente sul risultato finale.

L’importanza dell’acqua nel preparare il caffè

Un caffè di qualità ha alla base una giusta scelta dell’acqua. La funzione del composto è fondamentale dato che è un ingrediente base della preparazione della miscela perfetta. La maggior parte delle persone utilizza l’acqua del rubinetto ma questa operazione è consigliata solamente se soddisfa precise caratteristiche.

Non si deve sentire odore di cloro né alcun altro sapore o odore. Il cloro, infatti, agisce sui grassi e influisce sulla formazione della cremina. Eventuali odori di ammoniaca, composti ferruginosi e solforati altererebbero il gusto della bevanda così come i sentori di alghe e muffe dovute alla presenza di tubature datate. La percezione degli aromi risulterebbe contraffatta e il risultato sarebbe alquanto sgradevole.

Leggi anche >>> Una delle più gettonate alternative al caffè può avere fastidiosi effetti collaterali

Altre caratteristiche dell’acqua da utilizzare

Oltre all’assenza di odori, l’acqua da mettere nella moka o nella macchinetta per preparare un buon caffè non dovrà essere né distillata né demineralizzata. Chi aggiunge sale grosso sbaglia, la soluzione è consigliata per un risotto al caffè ma non per preparare unicamente la bevanda. E’ consigliabile, poi, che l’acqua contenga una piccola quantità di sali dato che influiscono notevolmente sul gusto del caffè. I sali di calcio, infatti, conferiscono corposità alla bevanda e consentono di formare una crema stabile.

In definitiva, per preparare un ottimo caffè sarà necessario aggiungere acqua dura, parzialmente o totalmente priva di sali di magnesio e alcalina e seguire la regola delle tre M. Avendo a disposizione una caraffa filtrante sarà opportuno usarla per filtrare l’acqua del rubinetto prima di metterla nel serbatoio della moka. In questo modo si eliminerà l’odore di cloro. Non avendola a disposizione, invece, è consigliabile usare l’acqua in bottiglia controllando che il residuo fisso sia non di molto inferiore a 500 mg.