Sono previsti rincari sui costi del conto corrente per lo svolgimento di operazioni online. Scopriamo le strategie per evitare una batosta.

conto corrente
Adobe Stock

I conti correnti che consentono lo svolgimento di operazioni online sono tra i più apprezzati dagli utenti. Permetto di effettuare movimenti, gestire il conto, praticare trading e utilizzare tanti altri servizi restando comodamente seduti sul divano di casa. I costi risultano essere vantaggiosi ma sono in costante aumento. Si stima che nell’anno in corso i rincari siano stati del 15% circa per i giovani, le famiglie con una operatività nella norma e i pensionati con una operatività media. Più stabili, invece, i costi delle operazioni allo sportello. Come tutelarsi da prossimi aumenti?

I rincari del 2021 sul conto corrente

I titolari di conti correnti su cui è possibile effettuare operazioni online hanno assistito nel 2021 a dei cambiamenti non piacevoli. La maggior parte dei conti che inizialmente risultavano essere a zero spese hanno concluso la gratuità mentre altri hanno addirittura raddoppiato i costi. Parliamo di aumenti compresi tra l’11 e il 15% per le tre categorie che maggiormente sfruttano internet per compiere le operazioni bancarie.

Ad incidere sul prezzo finale sono le spese fisse e variabili. Una lunga lista che include il canone mensile, il canone annuale relativo alle carte di credito/debito, i costi di gestione del conto titolo, le spese per la liquidazione di interessi e, infine, gli estratti conto cartacei e il canone sull’home banking. Commissioni per bonifici, prelievi allo sportello o al bancomat, imposte di bolle sono altre spese variabili da considerare.

Leggi anche >>> Conto Corrente PayPal nel mirino del Fisco: quando occorre dichiararlo per non rischiare sanzioni

Come risparmiare nei prossimi mesi

Per evitare di soffrire questi rincari occorre seguire delle direttive specifiche. Il primo consiglio è prelevare contati solamente da sportelli del proprio istituto di credito dato che applicano commissioni inferiori. In secondo luogo è preferibile compiere le operazioni online rispetto a quelle allo sportello. Nonostante l’aumento, infatti, rimangono meno costose. In caso di conto in rosso si potrebbe chiedere un fido piuttosto che pagare i conti dello scoperto. Volendo chiedere un prestito o un mutuo è consigliabile richiedere vari preventivi per confrontare le proposte.

Infine, occorre ricordare che aprire un conto online è più conveniente rispetto all’apertura di un conto tradizionale. Alcune offerte prevedono canone zero, l’estratto conto elettronico permette di risparmiare su una voce delle spese fisse, se si accetta l’addebito dello stipendio o della pensione potrebbero essere riservati dei vantaggi così come per la domiciliazione delle bollette. In molti casi – come con Conto Arancio –  la carta di debito è gratuita, i prelievi non si pagano e il titolare del conto può usufruire di operazioni illimitate a costo zero.