La televisione è distruttiva per il cervello umano, ecco il risultato di uno studio effettuato dalla Johns Hopkins University di Baltimora. 

televisione brucia il cervello
Adobe Stock

Negli anni Settanta una piccola scatoletta è entrata nelle vite degli italiani e non ci ha più lasciati. L’apparecchio di intrattenimento più amato si è evoluto nel tempo, è diventato tecnologicamente avanzato, sempre più grande, più smart e connesso ad internet. Quella di guardare la televisione è un’abitudine difficile da abbandonare. Amiamo i film, le serie Tv, i programmi e amiamo guardare lo sport con gli amici. Dovremmo rinunciare a tutto questo? La tv brucia realmente il cervello? Vediamo le conclusioni a cui è giunto uno studio americano. 

Lo studio di Baltimora: la televisione brucia il cervello

La Johns Hopkins University di Baltimora si è resa protagonista di uno studio i cui risultati non sono piacevoli. L’indagine scientifica, infatti, ha portato ad una conclusione sentenziosa e spaventosa. Guardare per un’ora e quaranta al giorno al televisione comporta l’invecchiamento del cervello di un anno. Le cause di questa tragica conclusione sono da riscontrarsi nella sedentarietà e nella passività del comportamento.

Ryan Dougherty, autore dello studio, ha riportato i risultati dell’indagine dopo aver osservato tramite risonanza magnetica 599 soggetti per 25 anni. All’inizio dell’esperimento le “cavie” avevano un’età media di trent’anni. Passato il lasso temporale previsto, si è osservata una diminuzione della materia celebrale in chi ha guardato più televisione. Nello specifico, la corteccia frontale e quella entorinale del cervello hanno subito un deterioramento e il numero di cellule grigie si è ridotto.

Leggi anche >>> Consumare spesso questo pesce può avere effetti drastici per la salute

Tv, unica causa dell’invecchiamento del cervello?

La causa principale dell’invecchiamento precoce e maggiore del cervello non è legata all’attività del guardare la tv ma alla sedentarietà ad essa connessa. Non praticare movimento, infatti, favorisce l’invecchiamento e non aiuta a sviluppare i processi fondamentali per mantenere giovane il proprio cervello. Il legame tra televisione e cervello bruciato, dunque, non è diretto ma dovuto ad una relazione con la sedentarietà. La vera causa dell’invecchiamento è l’assenza di attività fisica. Le problematiche che scaturiscono da questa assenza di movimento riguardano non solo la testa ma anche l’apparato cardiocircolatorio e, di conseguenza, un minore afflusso di sangue al cervello.

Cosa accade per altre attività sedentarie come leggere, fare i cruciverba, stare al computer o allo smartphone? Secondo lo studio americano è la passività a bruciare il cervello mentre l’interazione o un’elaborazione attiva delle informazioni dovrebbe mantenerlo giovane e aiutare a non invecchiare precocemente.