Sostituire la caldaia fino al 31 dicembre 2021 conviene, in quanto consente di beneficiare di un doppio bonus. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

sostituire caldaia_bonus
Foto © AdobeStock

La casa rappresenta indubbiamente il luogo sicuro dove potersi rifugiare e staccare la spina dai vari impegni della vita quotidiana. Posto ideale dove poter esprimere liberamente il proprio modo di essere, ognuno può decidere di personalizzare i vari ambienti in base ai propri gusti e bisogni. A partire dal colore delle pareti fino ad arrivare ai mobili, in effetti, vi è solamente l’imbarazzo della scelta. Allo stesso tempo per poter arredare casa come si desidera bisogna necessariamente sborsare del denaro.

Non sempre, però, si dispone della liquidità necessaria per poter comprare tutto quello che si desidera. Proprio in questo contesto, quindi, giocano un ruolo importante le varie agevolazioni messe a disposizione dal governo. Ne è una chiara dimostrazione la detrazione di cui è possibile beneficiare in caso di sostituzione della caldaia. Un intervento indubbiamente importante che, in determinate situazioni, consente di beneficiare, fino alla fine dell’anno in corso, di un doppio sconto. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

Caldaia, sostituirla conviene: ecco come ottenere il bonus mobili 2021

Nell’ambito di un intervento di ristrutturazione la detrazione per l’installazione di un nuovo impianto a condensazione di classe A è pari al 50%. Entrando nei dettagli, ricordiamo, la sostituzione della caldaia rientra tra gli interventi di manutenzione straordinaria. Proprio grazie a questo tipo di intervento, quindi, è possibile beneficiare, fino al 31 dicembre 2021, di un altro bonus, ovvero di quello per i mobili.

A tal proposito ricordiamo che l’importo massimo di spesa con il bonus mobili è pari a 16 mila euro per gli acquisti svolti nell’anno in corso.  La detrazione maturata per il bonus mobili, quindi, deve essere ripartita, in sede di dichiarazione dei redditi, in 10 quote annuali di pari importo. La detrazione 50% del bonus mobili, al momento, è disponibile per il 2021, ma non si esclude la possibilità che venga confermata anche per il 2022.

LEGGI ANCHE >>> Lotta all’evasione fiscale, la chiave è nei pagamenti: cosa c’è da aspettarsi

Come già detto, la sostituzione della caldaia dà diritto al bonus mobili ed elettrodomestici, a patto che quest’ultimi vengano acquistati dopo la data d’inizio dei lavori di ristrutturazione. Se la caldaia, invece, viene sostituita dopo l’acquisto dei mobili, ecco che non si ha più diritto al bonus per quest’ultimi. Per questo motivo si invita a prestare attenzione alle tempistiche.