I percettori del reddito di cittadinanza possono prelevare l’importo dell’assegno temporaneo? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere.

reddito di cittadinanza
Foto © AdobeStock

Il governo ha deciso d’introdurre nel corso degli ultimi mesi una serie di misure restrittive volte a contrastare la diffusione del Covid. Limitazioni che continuano, purtroppo, ad avere ancora oggi delle ripercussioni negative sulle nostre esistenze, con tante famiglie alle prese con una complicata gestione finanziaria. Non crea stupore, quindi, il fatto che proprio in questo clima di incertezza si sia registrato un boom di richieste del reddito di cittadinanza.

Tale sussidio, come noto, è stato introdotto dal precedente esecutivo al fine di offrire un aiuto alle persone con pesanti difficoltà economiche. Ma non solo, in determinati casi i percettori di tale sussidio possono beneficiare anche dell’assegno unico temporaneo per i figli. A tal proposito sono in molti a chiedersi se è possibile prelevare gli assegni che arrivano sulla carta, visto il limite di prelievo mensile pari a 100 euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Reddito di cittadinanza, ottime notizie: prelevare l’importo dell’assegno temporaneo è possibile

A partire dal 1° luglio 2021 fino al 31 dicembre 2021 in molti potranno beneficiare dell’Assegno unico temporaneo per i figli minori. Si tratta di una misura ponte, rivolta ai nuclei con figli minori di 18 anni, che non hanno diritto all’assegno per il nucleo familiare. A poter beneficiare di tale entrata extra, a partire dallo scorso 1 luglio, sono quindi, ad esempio, disoccupati, percettori del reddito di cittadinanza e lavoratori autonomi.

Tutti gli altri, invece, dovranno aspettare il 1° gennaio 2022, quando farà ufficialmente il suo ingresso l’assegno unico universale. Soffermandosi sull’assegno temporaneo, ricordiamo, è compatibile anche con il reddito di cittadinanza. I percettori di tale sussidio con figli minori, quindi, si vedono accreditare l’importo dell’assegno unico temporaneo in automatico sulla carta di Poste Italiane dove ogni mese viene effettuata la ricarica.

A partire dal 27 settembre 2021, quindi, l’Inps ha iniziato a pagare l’importo di questo assegno che, nella maggior parte dei casi, comprende gli arretrati a partire dal mese di Luglio. Proprio in tale ambito sono in molti a chiedersi se è possibile o meno prelevare il pagamento relativo all’assegno temporaneo.

LEGGI ANCHE >>>  Viaggia con la Ferrari: in tasca il Reddito di Cittadinanza

Una domanda più che legittima, dato che i percettori del reddito di cittadinanza possono prelevare ogni mese 100 euro, grazie ai quali poter effettuare acquisti in contanti. Ebbene, proprio in tale contesto interesserà sapere che il pagamento inerente l’assegno unico si può ritirare per intero dalla carta del reddito di cittadinanza. In questo caso l’importo massimo prelevabile è pari a quello caricato sulla carta con la specifica AT.