Buone notizie per molti automobilisti che possono beneficiare della cancellazione dei debiti per bollo auto. Ecco chi può sorridere.

bollo auto cancellato
Foto © AdobeStock

Tra bollette da pagare e bisogni quotidiani di vario tipo, sono davvero molte le spese da dover puntualmente sostenere. Se tutto questo non bastasse, complice l’impatto negativo del Covid sull’economia, sempre più famiglie si ritrovano alle prese con una difficile gestione delle finanze personali. Tanti sono i costi che vanno a incidere sul bilancio famigliare, come ad esempio quelli per l’auto. Ne sono un chiaro esempio l’assicurazione, ma anche i costi di manutenzione e il bollo auto.

Proprio a proposito di quest’ultimo, viene pagato ogni anno da tutti coloro in possesso di un veicolo, finendo inevitabilmente per intaccare il portafoglio degli automobilisti. Ebbene, in tale ambito giungono buone notizie per tutti coloro che, possesso di determinati requisiti, possono beneficiare della cancellazione della tassa automobilista. Ma chi ne ha diritto? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme.

Bollo auto, si va verso la cancellazione automatica grazie al condono delle cartelle fino a 5 mila euro

Viste le difficoltà economiche con cui si ritrovano a dover fare i conti molte persone, l’esecutivo ha deciso nel corso degli ultimi mesi di approvare una serie di contributi a sostegno delle persone maggiormente colpite dalla crisi. Ma non solo, grazie al Decreto Sostegni ha deciso di cancellare le cartelle esattoriali fino a 5 mila euro, con riferimento al periodo che va dal 2000 al 2010. La data a cui si fa riferimento, è bene sottolineare, è quella delle cartelle esattoriali e non quella in cui il debito non è stato pagato.

Per poter beneficiare di tale misura è necessario che i soggetti interessati abbiano conseguito nel 2019 un reddito imponibile non superiore a 30 mila euro. Una misura indubbiamente importante, con il 30 ottobre che si rivela essere la data da segnare sul calendario. Proprio in tal giorno, infatti, diventeranno esecutivi alcuni provvedimenti che prevedono la vera e propria cancellazione dei debiti per il bollo auto. Come già detto, infatti, il Decreto Sostegni varato dal Governo Draghi ha sancito l’eliminazione dei carichi pendenti per alcune categorie di contribuenti.

Tra questi, appunto, i debiti per bolli auto rientranti nelle cartelle esattoriali notificate nel decennio che va dal 2000 al 2010. A tal fine entro lo scorso 20 agosto l’agente incaricato della riscossione ha comunicato all’Agenzia delle Entrate l’elenco di tutti i titolari di cartelle esattoriali per cui è possibile beneficiare del condono voluto dal Decreto Sostegni. Entro il 20 settembre, quindi, l’Agenzia delle Entrate, dopo avere effettuato le opportune verifiche, ha comunicato all’agente incaricato della riscossione quali contribuenti siano in possesso dei requisiti reddituali richiesti.

LEGGI ANCHE >>>  Green Pass obbligatorio, nuova stretta: quanto costa fare i tamponi per andare a lavoro

L’Agenzia di Riscossione provvederà, quindi, d’ufficio alla cancellazione dei ruoli entro il prossimo 30 ottobre. Entro il 30 novembre, poi, notificherà l’annullamento delle cartelle agli enti. Solamente dal 1° dicembre, quindi, i soggetti interessati potranno verificare la cancellazione della cartella esattoriale, accedendo al sito dell’ente.