Cosa succede in caso di mancato pagamento del canone RAI in bolletta o dell’intera fattura? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

canone Rai_bolletta
Foto © AdobeStock

Complice anche l’impatto del Covid, nell’ultimo anno e mezzo si è registrato un utilizzo sempre più massiccio dei vari dispositivi elettronici, come tablet e PC. Sempre nello stesso contesto, a rivestire un ruolo importante è la televisione, che ci permette di attingere a informazioni di vario genere, a partire dai telegiornali fino ad arrivare ai programmi di intrattenimento e non solo.

Come noto, però, per poter vedere i vari canali è necessario pagare il canone Rai. Quest’ultimo, d’altronde, si rivela essere una tassa obbligatoria, il cui pagamento avviene attraverso l’addebito diretto in bolletta. Ma cosa succede in caso di mancato pagamento del canone RAI in bolletta o dell’intera fattura? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Canone Rai in bolletta, cosa succede se non si paga: cosa c’è da sapere

Dal 2016 il canone Rai viene pagato attraverso l’addebito diretto sulla bolletta dell’utenza elettrica in rate mensili. Tale decisione, come noto, è stata presa con l’intento di evitare che molti contribuenti non paghino la tassa in questione. Non sempre, però, le cose vanno come sperato, con cittadini che decidono di non pagare ugualmente il canone Rai o addirittura l’intera fattura.

Una circostanza che si verifica molto più spesso di quello che si possa pensare, tanto da chiedersi quali siano le relative conseguenze. Ebbene, bisogna sapere che l’omesso pagamento del canone Rai in bolletta o dell’intera fattura non comporta l’immediata sospensione del servizio. In caso di morosità, infatti, l’operatore deve dapprima provvedere ad inviare un sollecito di pagamento, attraverso il quale invitare il soggetto interessato a regolarizzare la propria posizione.

LEGGI ANCHE >>> Dal canone TV al 730 integrativo, occhio alle scadenze di ottobre: le date da segnare

Nel caso in cui l’utente non provveda al pagamento, l’operatore invia una raccomandata, fissando un limite di tempo entro il quale pagare. In caso contrario il fornitore invierà al distributore la richiesta di sospensione. Se il soggetto interessato continua a non pagare, ecco che dopo 15 giorni la fornitura viene sospesa. Non avendo più elettricità nella propria abitazione, pertanto, non sarà più possibile, in questo caso, nemmeno vedere la televisione e usufruire del servizio Rai.