Tra le tante proteste contro il Green Pass pare ci sia anche una riguardante i corrieri di Amazon. Vediamo cosa sta succedendo e quali ripercussioni potrebbero esserci

Amazon
Fonte Web

Sono tante le manifestazioni di protesta contro il Green Pass che stando andando in scena in questi giorni. L’obbligo di doverlo esibire al lavoro da prossimo 15 ottobre, ha fatto andare su tutte le furie tantissimi lavoratori, che non hanno nessuna intenzione di perdere il proprio posto.

Tra questi pare ci siano anche i corrieri di Amazon, che secondo diverse indiscrezioni avrebbero in mente uno sciopero. Un evento del genere comporterebbe delle forti ripercussioni sulle consegne, che ormai da tempo sono quasi sempre puntualissime.

Amazon, sciopero corrieri per protesta contro il Green Pass: ecco tutta la verità

In realtà però non c’è nulla di vero in tutto ciò, il lavoro dei corrieri proseguirà ai soliti ritmi senza nessun genere di intoppo. In pratica, da un fatto reale, è nata una fake news colossale. 

Il tutto ha origine con la protesta dei camionisti dello scorso 27 settembre che avrebbe dovuto bloccare l’Italia. Si è trattata però di un’iniziativa autonoma, non annunciata dai sindacati e che non ha avuto una partecipazione massiccia.

Laddove il tutto fosse andato così come dichiarato sui social network, i corrieri di Amazon non avrebbero potuto effettuare il loro lavoro di consegna a causa della mancanza delle materia prima bloccate sulle autostrade italiane o addirittura non spedite.

Quindi da una notizia di base vera, rivelatasi poi un flop, è nata una vera e propria invenzione, che non ha fatto altro che spaventare inutilmente le persone. Soprattutto in questa fase, certe news andrebbero verificate ed incrociate come non mai, ma a quanto pare non tutti hanno ben compreso la delicatezza di una fase storica senza precedenti.

LEGGI ANCHE >>> Amazon chiama, l’Italia risponde: pronte mille assunzioni, le posizioni aperte

Insomma, nessun pericolo per il momento. Amazon (che sta cercando nuova forza lavoro) e i suoi corrieri non hanno intenzione di fermarsi. Anzi, vogliono continuare a garantire l’efficienza di un servizio sempre più comodo e ormai indispensabile per gli italiani. 

Quindi chi deve ordinare, lo faccia senza troppi fronzoli. Nel giro di qualche giorno, un corriere vi busserà alla porta per recapitarvi ciò che avete acquistato sul portale.