Buone notizie per molti percettori del reddito di cittadinanza che potranno beneficiare di un doppio assegno. Ecco chi ne ha diritto.

reddito di cittadinanza doppio accredito
Foto © AdobeStock

A causa dell’impatto del Covid il governo ha deciso di introdurre nel corso degli ultimi mesi una serie di misure restrittive volte a contrastarne la diffusione. Limitazioni che continuano ad avere ancora oggi un impatto negativo sulle vite di tutti noi, con tante famiglie, purtroppo, alle prese con una grave crisi finanziaria. Non stupisce, quindi, che proprio in questo clima di incertezza si sia registrato un boom di richieste del reddito di cittadinanza.

Quest’ultimo, come risaputo, è stato pensato per garantire una forma di sostegno economico alle persone che, ad esempio, sono rimaste senza lavoro. Ma non solo, in determinati casi i percettori di tale sussidio possono beneficiare anche di un doppio assegno. Ma come è possibile? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Reddito di cittadinanza, doppio assegno in arrivo grazie all’assegno unico temporaneo

Grazie al messaggio Inps n. 2371 del 22 giugno 2021, l’ente ha illustrato la nuova misura che resterà in vigore fino al 31 dicembre. A partire dal 1° luglio 2021 fino al 31 dicembre 2021, ricordiamo, in molti potranno beneficiare dell’Assegno temporaneo per i figli minori. Una misura ponte, rivolta ai nuclei con figli minori di 18 anni, che non abbiano diritto all’assegno per il nucleo familiare.

A poterne beneficiare, a partire dallo scorso 1 luglio, sono quindi, ad esempio, disoccupati e lavoratori autonomi.  Tutti gli altri, invece, dovranno attendere il 1° gennaio 2022, quando entrerà a pieno regime l’’assegno unico universale. Quest’ultimo sarà destinato alle famiglie con figli con età compresa tra i sette mesi della gestazione fino ai 21 anni di età, se a carico dei genitori.

L’importo di tale assegno differisce a seconda del valore Isee ed è compatibile anche con il reddito di cittadinanza. I percettori di tale sussidio, con figli fino a 18 anni, quindi, hanno diritto all’assegno unico temporaneo e proprio con il mese di settembre hanno ricevuto o riceveranno a breve i relativi pagamenti. Per poter beneficiare di questo assegno, i soggetti interessati devono inoltrare apposita domanda all’Inps, allegando una dichiarazione Isee aggiornata.

LEGGI ANCHE >>>  Viaggia con la Ferrari: in tasca il Reddito di Cittadinanza

L’importo dell’assegno viene quindi determinato in base al numero dei figli, con l’importo che differisce a secondo che nel nucleo famigliare ci siano uno, due oppure tre figli minori. In quest’ultimo caso, ad esempio, in presenza di un Isee con una cifra inferiore a 7 mila euro, l’importo viene maggiorato del 30%. Una buona notizia, quindi, per molti beneficiare del reddito di cittadinanza che, grazie all’assegno unico temporaneo, potranno beneficiare di un doppio assegno.