Come si calcola il rapporto di indebitamento? E perché per un’azienda è così importante conoscere la proprio posizione finanziaria? La ragione è semplice.

Indebitamento finanziario netto
Foto di Jens Neumann da Pixabay

Avere a che fare con dei debiti non è mai cosa positiva. Specie se questi vengono contratti con un istituto di credito, con il quale si stipulano dei contratti per un prestito che, alla fine, non riesce a essere onorato fino in fondo. In alcuni casi, subentra la dicitura di indebitamento finanziario netto da parte del contribuente tenuto a versare la sua rata per rimettere in pareggio quanto richiesto. Con questa espressione, di fatto, si intende il totale dei debiti maturati con un istituto di credito, al netto della liquidità reperibile nell’immediato. Un aspetto fondamentale è quello della posizione finanziaria, risultato di un elaborato calcolo, sommando le voci che compongono tutte le passività finanziarie ad esempio di un’azienda.

Conoscere la situazione di riferimento è importante poiché consente a un’azienda di misurare la propria capacità di generare reddito. Il quale diventa a sua volta mezzo di ripianamento del debito accumulato. In pratica, si tratta di un modo semplice per capire se un debitore sia effettivamente in grado di ripagare le somme dovute. Se l’indebitamento netto assume una connotazione negativa, significa che l’azienda è in grado di far fronte ai propri debiti.

Indebitamento finanziario, cosa succede se la connotazione è positiva

Diverso è il caso in cui l’indebitamento finanziario dovesse essere in saldo positivo. Significherebbe infatti l’esatto contrario, ovvero che il debito accumulato è superiore alla liquidità attualmente disponibile. In questi casi, sorgerebbe un urgente problema di fondi e si andrebbe incontro alle conseguenze previste in caso di liquidità inferiore alla soglia di pagamento. In poche parole, le entrate in grado di generare reddito non sarebbero sufficienti per ripianare i prestiti richiesti e gli istituti di credito potrebbero quindi agire di conseguenza.

LEGGI ANCHE >>> La Legge salva-suicidi: debiti archiviati per queste categorie

Per questo diventa necessario effettuare il calcolo della posizione finanziaria con un buon anticipo. Lo scopo è quello di avere una pianificazione improntata al capire se, nel breve, l’azienda abbia la liquidità necessaria per ottemperare ai suoi obblighi. Il modo più semplice per calcolare il rapporto di indebitamento è concentrandosi sul rapporto fra debito e capitale proprio. Si divide il debito dell’azienda per il capitale azionario. Un calcolo semplice ma decisivo per capire il proprio futuro aziendale.