Il covid non è stato ancora debellato, ma si intravede uno spiraglio luce. Ecco i tre motivi per cui si può predicare un po’ di sano ottimismo

Covid
Fonte Pixabay

La pandemia è ormai tra noi da oltre un anno e mezzo e purtroppo ha rivoluzionato drasticamente le nostre abitudini quotidiane. Eppure nonostante la luce in fondo al tunnel ancora non si veda, ci sono dei fattori che fanno ben sperare.

Alcuni di questi hanno permesso un ritorno ad una semi-normalità che se confrontata con ciò che abbiamo dovuto vivere nei mesi passati ci sembra una grande conquista. Vediamo quali sono i motivi che in questa fase permettono di guardare al futuro con maggior fiducia.

Covid: i tre motivi per cui la fase peggiore sembra essere alla spalle

Nuova cura Pfizer

Oltre al vaccino la Pfizer sta lavorando anche ad una pillola anti-covid da assumete subito dopo la comparsa dei primi sintomi. Questa scoperta potrebbe essere un’aiuto importante che andrebbe a risolvere il problema alla radice.

Attualmente è in fase di sperimentazione e stanno prendendo parte 1140 adulti che hanno contratto il covid-19 senza palesare sintomi tali da dover richiedere il ricovero in ospedale.  Nel caso l’iter dovesse andar a buon fine, la pillola potrebbe essere assunta anche a scopo precauzionale dopo il contatto con un soggetto positivo.

Curva dei contagi covid in calo

Altro aspetto ben augurante è che al momento nonostante la riapertura delle scuole e di molte attività pubbliche, la curva dei contagi è in calo. Un particolare di non poco conto che va in controtendenza con quanto accaduto lo scorso anno, quando i casi erano in preoccupante aumento.

Certo, bisogna andarci coi piedi di piombo. I rischi in questo caso sono sempre dietro l’angolo, anche se un’inizio d’autunno così sembra quasi incredibile da credere. 

LEGGI ANCHE >>> Bonus Covid, contributi a fondo perduto fino a 25 mila euro in arrivo: chi ne ha diritto

Le attività stanno riaprendo grazie al Green Pass

Il tanto discusso Green Pass per quanto possa essere odiato da molti, ha di fatto permesso a molti esercenti di poter riaprire i battenti. Senza questo strumento probabilmente si sarebbe optato di nuovo per le chiusure, con conseguenti perdite economiche. 

Anche per quanto concerne la socialità il certificato verde sembra essere un ottimo alleato. Cinema, teatri, stadi e sale da gioco hanno riaperto i battenti garantendo così un minimo di svago in una fase in cui non è semplicissimo distrarsi.