Prestiti per pensionati, flessibili, convenienti, facili da ottenere. Non è un’utopia ma realtà per tante persone che desiderano realizzare un costoso progetto.

prestiti per pensionati cessione del quinto
Adobe Stock

Le banche e le finanziarie erogano facilmente i prestiti ai pensionati dato che il cedolino della pensione è considerato fonte di reddito certo. L’affidabilità creditizia del pensionato, dunque, permette di superare con facilità le verifiche iniziali dell’istituto. Sarà semplice riuscire ad ottenere l’erogazione della somma desiderata per realizzare un progetto, dedicarsi la tanto attesa vacanza o regalare la festa di laurea ad un nipote. Naturalmente, l’importo dell’assegno pensionistico sarà determinante per stabile quale sarà la cifra che le banche accetteranno di erogare soprattutto nel caso di cessione del quinto.

Cessione del quinto tra i migliori prestiti per pensionati

Gli istituti di credito creano appositi prodotti dedicati ai pensionati. Sono, come accennato, tra i clienti più appetibili per la solidità finanziaria rappresentata dal cedolino della pensione. Di conseguenza, la maggior parte delle banche e finanziarie propongono la cessione del quinto, uno strumento rivolto principalmente ai pensionati ma anche ai lavoratori dipendenti.

La cessione del quinto è un prestito semplice da ottenere dato che a fare da garanzia è proprio l’assegno pensionistico (o lo stipendio). Il finanziamento in questione presuppone che l’importo della rata mensile da corrispondere non sia superiore ad un quinto di quanto percepito mensilmente dal pensionato. Il rimborso avviene con la trattenuta diretta dal cedolino della pensione. Praticità, semplicità e convenienza sono, dunque, le caratteristiche della cessione del quinto, tra i migliori prestiti per i pensionati.

Requisiti per ottenere la cessione del quinto

Oltre all’assegno pensionistico, la banca richiederà al pensionato la soddisfazione di specifici requisiti. In generale è richiesta un’età massima di 79 anni. Inoltre, occorrerà essere pensionati INPS o ex Inpdap. Non sono ammessi al prestito coloro che percepiscono assegni sociali, assegni di invalidità civile, di sostegno al reddito. Allo stesso modo non possono ottenere la cessione del quinto i soggetti che percepiscono assegni per prestazioni di esodo e coloro che ricevono assegni per il nucleo familiare. Al contrario, possono avanzare domanda di finanziamento i pignorati e protestati e gli iscritti alle liste dei cattivi pagatori.

Altre caratteristiche della cessione del quinto

La cessione del quinto è tra i prestiti la soluzione migliore per i pensionati. La durata massima del rimborso è di 10 anni, la dilazione varia dai 24 ai 120 mesi e online è possibile simulare il piano di ammortamento accedendo ai portali dei vari istituti di credito. La documentazione da fornire per poter pagare rate mensili pari al 20% dell’importo della pensione netta include un documento d’identità valido, il codice fiscale, l’ultimo cedolino della pensione e la comunicazione di cedibilità data dall’INPS.

Leggi anche >>> Ecco i migliori mini prestiti online: fino a 3 mila buoni motivi per sorridere

Prestiti INPS per pensionati, altra soluzione interessante

Oltre alla cessione del quinto, i pensionati possono fare affidamento sui prestiti INPS. Sono soluzioni di credito a tasso agevolato riservate ai soggetti iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici. E’ possibile scegliere tra i piccoli prestiti INPS e quelli pluriennali. I primi sono dedicati a chi richiede piccoli importi da restituire al massimo in 4 anni. I secondi, invece, riguardano somme più sostanziose e possono essere diretti, con addebito sulla pensione, o indiretti, se erogati da intermediari o banche in convenzione.