Prendere una casa in affitto si rivela essere una decisione importante. Proprio per questo motivo è bene sapere quali sono gli errori da non commettere.

casa affitto
Foto © AdobeStock

Casa dolce casa. Il posto sicuro in cui potersi rifugiare e staccare finalmente la spina dai vari impegni della vita quotidiana. Non sempre, però, si è in condizioni economiche tali da poter acquistare la casa dei propri sogni e per questo motivo si cercano delle soluzioni alternative, come ad esempio l’affitto. Tale soluzione, allo stesso tempo, si rivela essere quella più adatta in caso di trasferimenti momentanei.

Quest’ultimi dovuti ad esempio per motivi di studio, lavoro o per il semplice desiderio di vivere da soli. A prescindere dal motivo per cui si decide di prendere una casa in affitto è sempre bene prestare la massima attenzione, onde evitare di ritrovarsi a dover fare i conti con spiacevoli sorprese. Sono in particolare 5 gli errori da non fare. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

Casa in affitto, i 5 errori da non commettere: tutto quello che c’è da sapere

Nel caso in cui abbiate deciso di prendere una casa in affitto è bene prestare attenzione ad alcuni accorgimenti, onde evitare spiacevoli sorprese. Quando si firma il relativo contratto, d’altronde, ci si accorda con il proprietario di casa sui diritti e i doveri da rispettare. Proprio per questo motivo è bene sapere quali sono i 5 errori da non commettere. Tra questi si annoverano:

  1. Budget. Oltre al canone mensile di affitto, bisogna pagare anche le altre spese necessarie per il mantenimento della casa, oltre che personali. Proprio per questo motivo è bene definire fin da subito un budget da rispettare, onde evitare spiacevoli sorprese. Allo stesso tempo è bene ricordare che la spesa iniziale potrebbe rilevarsi più elevata del previsto a causa, ad esempio, del deposito cauzionale e delle spese di trasloco. In tale ambito, inoltre, interesserà sapere che, secondo alcune stime, il canone non dovrebbe superare il 30% del proprio stipendio.
  2. Visita dell’appartamento. Prima di firmare il contratto di una casa da affittare è bene visitarla. Soltanto recandosi sul posto, infatti, è possibile ottenere maggiori informazioni, ad esempio sulla zona, il vicinato e possibili punti di interesse. Da non trascurare, poi, possibili infiltrazioni, problemi di umidità e dimensione reale delle stanze. Ma non solo, è sempre meglio rivedere l’immobile una seconda volta, in quanto nel frattempo le condizioni potrebbero essere cambiate.
  3. Contratto. Come già detto, il contratto serve a definire gli accordi con il proprietario di casa in merito ai diritti e ai doveri da rispettare. Per questo motivo il consiglio è quello di farsi inviare la bozza del contratto in anticipo, in modo tale da poter conoscere le varie clausole. In caso di dubbi sul contratto, quindi, meglio chiarire prima della firma dello stesso. In particolare è fondamentale conoscere la tipologia e la durata del contratto d’affitto. Allo stesso tempo un altro errore da non commettere è quello di prendere una casa in affitto senza firmare alcun contratto. Quest’ultimo si rivela essere l’unica arma di difesa in caso di ripensamenti da parte del proprietario di casa.
  4. Pagamenti in anticipo. Come in ogni contrattazione commerciale, anche in caso di affitto non bisogna mai pagare tutto in anticipo. In genere si tratta di una truffa.
  5. Ricevute. Per finire si ricorda sempre che nel momento in cui si paga il canone di affitto o le spese condominiali è obbligatorio farsi rilasciare la ricevuta. Solo in questo modo, infatti, è possibile dimostrare di aver effettuato tutti i pagamenti.

LEGGI ANCHE >>> Acquisto casa, risparmiare un bel po’ di soldi è possibile: ecco come

Come abbiamo potuto notare sono vari gli errori da evitare nel caso in cui si decida di prendere una casa in affitto. Meglio quindi prestare attenzione, onde evitare spiacevoli inconvenienti.