Domande lecite che una volta nella vita tutti bene o male hanno realizzato. Le risposte tutte da scoprire. I dettagli.

Reddito di Cittadinanza
Soldi bonus (Fonte foto: Pixabay)

Chissà quante persone si chiedono come si concepisca il concetto dell’emissione di soldi. Inteso dal punto di vista di un singolo paese, è chiaro. Il momento è duro, particolare, mai vissuto prima d’ora per connotati e dettagli storici. La crisi travolge qualsiasi contesto, qualsiasi settore, ed i danni sono più che evidenti. La ricetta, secondo alcuni avrebbe potuto riguardare le banconote, stampare nuova carta moneta per rimettere in sesto l’economia.

Nel nostro paese, l’emissione di banconote è concessa esclusivamente alla Banca di Italia e regolata poi dalla Zecca di Stato. Ogni paese, con una propria banca di riferimento, risponde alle indicazioni della Banca Centrale Europea. La stessa banca ha iniziato già a stampare carta moneta per provare a ridare ossigeno all’economia con una operazione assolutamente inaspettata. La crisi, richiedeva un intervento netto e deciso.

In Italia la produzione è affidata ai luoghi storici della capitale

La Banca d’Italia cosi come anticipato è l’unico ente autorizzato a stampare carta moneta. Il ritiro e lo studio della sicurezza spetta inoltre alla stessa banca. L’istituto è anche chiamato in causa circa le nuove banconote da lanciare. Per quel che riguarda le monete, invece, possiamo dire che il conio di questo è affidato al Ministero dell’Economia e delle Finanze. La banca, inoltre, provvede alla distribuzione vera e propria delle monete lanciate.

LEGGI ANCHE >>> Sembrano banconote da 5 euro ma valgono molto di più: i dettagli che fanno la differenza

Nell’area dei paesi appartenenti all’euro, ogni paese è rappresentato da una banca che agisce in piena sintonia con la Banca Centrale Europea. In Italia lo stabilimento che procede alla stampa vera è proprio è a Roma, in Via Tuscolana. Lo Stabilimento del Servizio Banconote attivo dal 1894. Ogni banconota impiega circa 45 giorni per essere stampata, nessuno forse immaginava un tempo simile. La grande decisione spetterà presto, di nuovo alla Banca Centrale Europea, stampare o meno nuovi soldi, rischiare di peggiorare la situazione? Le prossime settimane sapranno darci una risposta.