La catena Coop ha richiamato un lotto di preparato per pane e pizza per via della presenza di un “ingrediente pericoloso”. Ecco di cosa si tratta.

preparato pane e pizza
Foto © AdobeStock

A partire dalla pizza fino ad arrivare alla pasta, sono tante le pietanze in grado di soddisfare i palati sia di grandi che di piccini. Disponibili in varie forme e dimensioni, d’altronde, sugli scaffali dei supermercati troviamo tanti prodotti apparentemente identici, ma che in realtà non lo sono. Diversi i fattori da considerare, come il prezzo, la qualità e il gusto personale.

Allo stesso tempo si ricorda sempre di stare molti attenti alle caratteristiche stesse del cibo che mangiamo. Questo al fine di evitare di dover fare i conti con possibili inconvenienti. Proprio in tale ambito ricordiamo che la Coop ha di recente richiamato un lotto di preparato per pane e pizza per via della presenza di un “ingrediente pericoloso”. Ecco di cosa si tratta.

Pane e pizza, “ingrediente pericoloso” nel preparato: attenzione, ecco di quale si tratta

Come si evince dal sito della catena Coop, è stato di recente richiamato un lotto di preparato per pane e pizza senza glutine a marchio Chef Nick. Il motivo? Rilevata la “presenza di ossido di etilene in un ingrediente (farina di semi di carrube).

Entrando nei dettagli, il prodotto oggetto di richiamo è stato prodotto dall’azienda Rue Flambée Srl, nello stabilimento di via Negrelli 18 a Paese, in provincia di Treviso. Il preparato in questione, inoltre, è venduto in confezioni da 400 grammi con il numero di lotto 160421 e data di scadenza 16/10/2023. Se in possesso di questo alimento, quindi, si raccomanda di riportarlo al punto vendita per la relativa sostituzione.

LEGGI ANCHE >>> Tonno in scatola: qual è il migliore del 2021, attenti alle caratteristiche

Rischio ossido di etilene: occhio ai prodotti ritirati

Quando acquistiamo degli alimenti, quindi, l’invito è sempre quello di prestare la massima attenzione alle relative caratteristiche. Proprio in tale ambito giunge in nostro aiuto il Ministero della Salute che provvede tempestivamente ad avvisare le persone. Tanti, in tal senso, sono i prodotti ultimamente ritirati dagli scaffali. Molti dei quali proprio a causa della presenza di ossido di etilene. Un ritiro, quello dei prodotti che contengono questo ingrediente, che è stato deciso dalla Commissione europea, a scopo precauzionale, con i richiami che oggi risultano essere oltre 90 in tutta Europa.