Come già accaduto in Spagna, Francia e Regno Unito, Netflix inizierà a contabilizzare anche in Italia. E si adegua alle direttive dell’AdE.

Netflix Italia
Foto © AdobeStock

Una filiale di Netflix in Italia. Un altro passo dell’azienda top nella distribuzione di contenuti cinematografici via internet, che sbarca nel nostro Paese anche in modo operativo oltre che di servizio. Come riferito da IlSole24ore, Netflix Italia si occuperà di contenuti e produzione entro i nostri confini. Questo significa, nella strategia dell’azienda, regolare la propria posizione fiscale, contabilizzando direttamente all’interno del Paese nel quale realizza il fatturato attraverso i ricavi degli abbonamenti. Una decisione che ricalca quanto accaduto già in altri Paesi.

Spagna, Regno Unito, Francia e ora Italia. Una strategia precisa quella di Netflix, che inizierà la contabilizzazione attraverso la creazione di società ad hoc. I ricavi generati dagli abbonamenti in questi Paesi, quindi, verranno pagati ad altre società. Nello specifico a Los Gatos Services Italia che, nel 2020, ha centrato il risultato di 19 milioni di ricavi, con un utile registrato di oltre 836 milioni di euro (e 400 mila pagati in imposte).

Nasce Netflix Italia: come funzionerà la nuova società

Sarà quindi attorno alla Gatos Services che orbiterà la vita di Netflix Italia. A partire dal gennaio 2022, infatti, sarà questo il nome che assumerà tale società e ad essa saranno trasferiti tutti i pagamenti dei canoni mensili degli abbonamenti. I quali, fino a oggi, erano destinati alla società Netflix International Bv con sede ad Amsterdam, nei Paesi Bassi. La decisione di contabilizzare in Italia è scaturita a seguito di una contestazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, che riteneva come l’azienda possedesse organizzazioni stabili e infrastrutture fisiche essenziali senza, però, versare tasse sugli utili derivanti dagli abbonamenti.

LEGGI ANCHE >>> Netflix, l’incubo che vivranno in molti: importanti cambiamenti in vista

Come comunicato dalla stessa Netflix a IlSole24Ore, l’azienda rafforzerà la sua presenza nel nostro Paese, aumentando l’investimento in produzioni a firma nostrana. Ecco perché la presenza di una struttura fisica in Italia si è resa necessaria per il colosso americano. Al momento non è noto quali siano, effettivamente, i ricavi aziendali sul territorio italiano, generati dagli abbonamenti. La nascita della nuova società permetterà di avere maggiori informazioni anche in questo senso, così come sulle relative tassazioni. Per il resto non cambierà nulla. Netflix continuerà a offrire il suo solito servizio. Con l’aggiunta di un’ulteriore attenzione alle produzioni italiane.