Pronti per estendere l’obbligo del Green Pass a settembre. Le categorie di lavoratori coinvolte sono i dipendenti pubblici e chi lavora nei ristoranti, bar e palestre.

Web

Dipendenti della Pubblica Amministrazione e lavoratori di bar, ristornati e palestre dovranno presto mettersi in regola con la certificazione verde per continuare a lavorare. L’obiettivo del Governo è riuscire ad aumentare ulteriormente la percentuale di vaccinati e raggiungere il fatidico 90% della popolazione in modo tale da pensare di togliere l’obbligo del Green Pass. Oltre ai clienti, dunque, ora anche gli esercenti dovranno provvedere a munirsi del certificato verde entro il mese di settembre. Dal 27 settembre o dal 4 ottobre, infatti, scatterà l’obbligo di Green Pass per le nuove categorie di lavoratori.

Quindici giorni per mettersi in regola con l’obbligo del Green Pass

L’idea del Governo manca solo dell’ufficializzazione con l’approvazione del decreto. Nonostante le divisioni all’interno della maggioranza, la decisione è stata presa e verrà chiesto/imposto ai lavoratori della Pubblica Amministrazione e ai gestori e dipendenti di bar, ristoranti e palestre di vaccinarsi o quantomeno dotarsi di Green Pass. Ad essi si uniscono gli addetti ai trasporti a lunga percorrenza che dovranno regolarizzare la loro posizione in termini di vaccinazione entro il mese di settembre.

Il Governo lascerà 15 giorni di tempo agli interessati senza nessuna dose di vaccino di procedere con la prima iniezione ed ottenere, così, la certificazione verde per i primi giorni di ottobre al massimo. Nel frattempo si procederà con la terza dose per i soggetti considerati fragili. L’obiettivo è completare un ciclo di interventi entro il 31 dicembre, data di scadenza dello stato di emergenza.

Leggi anche >>> Professori senza Green Pass, il preside svela il trucco: i primi ‘furbetti’

Tutte le questioni al vaglio del Governo

I tre mesi che ci dividono dalla data di scadenza dello stato di emergenza saranno lunghi e travagliati. Le questioni discusse costantemente dalla maggioranza di Governo e dall’opposizione sono numerose e i temi importanti. La riapertura delle scuole in sicurezza è uno degli argomenti più caldi del momento a pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico. L’obiettivo è la scuola in presenza e sebbene fino ad oggi l’idea dell’obbligo del Green Pass per gli studenti delle superiori sia stata scartata potrebbe ripresentarsi per una nuova valutazione.

Allo stesso modo, la certificazione verde non è prevista, per ora, per i trasporti pubblici mentre si sta ipotizzando la possibilità di introdurre l’obbligo vaccinale anche per i dipendenti delle aziende private con la stessa tempistica dei dipendenti della PA.  L’obiettivo, come già detto, è aumentare la percentuale di vaccinati il più possibile e se la strada risulterà in salita il Governo provvederà ad aumentare gli obblighi di Green Pass con un’ulteriore stretta.